I comuni “ricicloni”

Buongiorno green mate!

Per quanto riguarda il riciclo e la sostenibilità ambientale nel ciclo dei rifiuti c’è da molti anni una importante iniziativa di Legambiente chiamata Comuni Ricicloni.

Che cos’è Comuni Ricicloni?

Nato nel 1994, è oramai un appuntamento consolidato, a cui aderiscono un numero sempre maggiore di Comuni, che vedono nell’iniziativa di Legambiente un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata, e più in generale un sistema integrato di gestione dei propri rifiuti.

L’iniziativa di Legambiente, patrocinata dal Ministero per l’Ambiente, premia le comunità locali, amministatori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti: raccolte differenziate avviate a riciclaggio, ma anche acquisti di beni, opere e servizi, che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata.

Al fine di valutare nella loro complessità queste significative esperienze di buona gestione, ai consueti e consolidati criteri di valutazione che individuavano nella percentuale di raccolta differenziata raggiunta il fattore determinante ai fini della graduatoria è stato introdotto anche l’indice di gestione dei rifiuti urbani che ha attribuito un “voto” alla gestione dei rifiuti urbani nei suoi molteplici aspetti. Sono tre le categorie per l’aggiudicazione dei premi: miglior raccolta differenziata (definita attraverso il punteggio raggiunto sulla base dell’indice di gestione), maggior percentuale di raccolta differenziata complessiva (costituita dalla somma di quelle relative ai diversi materiali), e miglior raccolta differenziata delle singole principali frazioni merceologiche oggetto di raccolte separate. La distribuzione dei riconoscimenti avviene per classi di grandezza demografica dei comuni e sulla base di macro-fasce geografiche: le regioni del nord, quelle del centro e del sud.

Vengono inoltre attribuiti un premio speciale per il miglior programma di divulgazione del compostaggio domestico, per la raccolta e il riciclaggio del legno e un premio speciale – Cento di questi Consorzi – verrà attribuito alla miglior raccolta differenziata a livello consortile. Infine verranno assegnate delle menzioni speciali individuate a discrezione della giuria.

A Roma alla presenza del Ministro dell’Ambiente in carica, si tiene l’evento conclusivo di Comuni Ricicloni che assegna i riconoscimenti ed i premi, nel corso di un momento mediatico di respiro nazionale. L’evento prevede la realizzazione un convegno al quale partecipano i principali esponenti istituzionali del settore rifiuti e prodotti. La giuria di Comuni Ricicloni è composta da rappresentanti di Legambiente, ANCI, Fise Assoambiente, FederAmbiente, CONAI, COMIECO, COREVE, CIAL, COREPLA, RILEGNO, Consorzio Italiano Compostatori, RICREA, Centro di Coordinamento RAEE e Assobioplastiche.

Come vengono raccolti e verificati i dati per la competizione?

La verifica dei dati ricevuti dai Comuni è effettuata da Legambiente di concerto con i responsabili comunali per la gestione dei rifiuti, avvalendosi anche della collaborazione dei circoli territoriali di Legambiente, degli Osservatori Provinciali e delle ARPA regionali. La successiva elaborazione dei dati avviene grazie all’ausilio di un foglio di calcolo dedicato. La validazione dei risultati ottenuti si avvale della collaborazione della Giuria tecnica.

I vincitori dell’edizione 2014 sono :

l-aphHxdfRAB1H41xvtA5ApKTYQoSquPm6JzWdH3WL4

2 pensieri riguardo “I comuni “ricicloni”

  • novembre 21, 2014 in 8:23 am
    Permalink

    Tutti al nord sono i primi dieci. e questo non mi piace mica 😉

  • novembre 21, 2014 in 5:48 pm
    Permalink

    Ci sono alcune eccellenze anche al sud, soprattutto in Campania e Sardegna da quanto ricordo. Le analizzeremo sicuramente in un’altro post del blog. 😉

Lascia un commento