Pane in attesa [Bread on hold]

English

pane-sospeso-300x243

Buongiorno greenmate,

A Treviso arriva il “pane in attesa”

Tutto era iniziato qualche anno fa con la moda del cosidetto “caffè sospeso”, derivante da una tipica usanza del Sud Italia. Nella tradizione napoletana, infatti, quando un cliente ordina un caffè sospeso, si trova a pagare due caffè pur ricevendone uno solo, in questo modo, quando una persona bisognosa entra nel bar può chiedere se c’è un caffè sospeso: in caso affermativo, riceve la consumazione come se fosse offerta. Un vero e proprio dono a uno sconosciuto per un semplice motivo solidale.

A Treviso però, a partire da marzo, si è voluto andare oltre quanto già proposto in Italia e all’estero, tanto da organizzare il “Pane in attesa”.

Ma cos’è “Pane in Attesa”?

Semplice: chiunque, entrando in uno dei panifici aderenti all’iniziativa sul territorio comunale, potrà regalare un panino a chi ne avrà bisogno acquistandolo alla cassa e “parcheggiandolo” in una delle apposite ceste, in attesa che qualcuno entri e ne faccia richiesta. Nel caso in cui a fine giornata rimanesse del pane nelle ceste, questo non verrà sprecato, bensì raccolto dall’associazione Auxilia Veneto e portato nelle sedi di associazioni trevigiane no profit, che perseguono finalità umanistiche a favore di famiglie con difficoltà socio-economiche o senza fissa dimora. Queste, accoglieranno il pane raccolto e provvederanno a ridistribuirlo nell’ambito delle loro attività.

It all started a few years ago with the trend of so-called “suspended coffee”, resulting from a typical habit of South Italy. In Neapolitan tradition in fact when a customer orders a coffee suspended, have to pay two coffees although receiving only one, in this way, when someone in need enters the bar can ask if there is a suspended coffee: if so, reiceves the drink as if it were offered. A true gift to a stranger for a simple solidarity reason.

In Treviso, however as of March, it was decided to go beyond what has already been proposed in Italy and abroad, so as to organize the “Bread on hold”.

But what is “Bread on hold”?

Simple: anyone, entering one of the bakeries participating in the municipal area, will give a loaf to those who need it by bying it at the checkout and “parking it” in one of the special baskets, waiting for someone to come in and requests it. In the event that at the end of the day some bread remains in the baskets, this will not be wasted, but collected by the Auxilia Veneto and carried to the offices of non-profit associations of Treviso, that pursue humanities in favor of families with socio-economic difficulties or homeless. These associations, will host the bread collected and will provide to redistribute part of their activities.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *