Perché usare il legno? [Why the wood?]

English

Albero mondo

Il patrimonio forestale italiano è uno tra i più ricchi in Europa e vanta 117 specie arboree.
Attualmente ha una superficie di 10,467,533 Ha (pari al 34,7 % della superficie nazionale).
Questa superficie è raddoppiata negli ultimi 50 anni. A fronte di un incremento legnoso annuo di circa 30 milioni di m3, vi è un utilizzo di 10 milioni di m3 di cui il 60% circa è legna da ardere.

Perché usare il legno?

Ci sono due modalità per ridurre la quantità di anidride carbonica in atmosfera: ridurre “le fonti di carbonio” e “aumentare i pozzi di carbonio”. Il legno, comprendendo entrambe le funzioni, è a tutti gli effetti la prima salvaguardia biologica del pianeta.

L’utilizzo del legno come materiale sostitutivo di prodotti ad elevato contenuto di carbonio è il modo più semplice ed efficace per ridurre le emissioni di CO2, grazie agli effetti combinati di “carbon sink” (assorbimento del carbonio) e “carbon stock” (capacità di trattenimento del carbonio per un periodo di tempo corrispondente a quello del ciclo di vita del prodotto e anche in seguito, quando il prodotto viene riutilizzato o riciclato). Al momento nessun altro materiale da costruzione comunemente impiegato richiede così poca energia di produzione come il legno. Più il legno sostituisce altri materiali, più il cosiddetto “effetto sostitutivo” riduce ulteriormente la CO2 presente nell’atmosfera (requisiti previsti dall’ Art. 3.4. del Protocollo di Kyoto).
Le strutture in legno permettono anche significativi risparmi di CO2 in termini di energia incorporata: una tipica casa in legno risparmia 5 tonnellate di CO2 (circa il totale di energia usata per percorrere 23.000 km con una macchina di 1.4 cc.).

Alcuni esempi dei benefici socio-ambientali derivanti dall’uso del legno:
– La struttura media di una casa in legno può trattenere da 12 a 30 tonnellate di C, di cui:
Finestre di legno: 25 kg C/finestra
pavimento di legno: 5 kg C/m2
mobili: 1 t C/casa
– Un incremento del 10 % della case in legno in Europa permetterebbe un risparmio di circa il 25 % di emissioni di CO2 (prescrizione del Protocollo di Kyoto).
– Un tetto in legno contiene tra 4,6 e 10,5 m3 di legno stagionato, caratteristica che gli permette di trattenere tra 3,7 e 8,4 tonnellate di CO2 dall’atmosfera.
– Il legno ha uno straordinario isolamento termico: 15 volte migliore del calcestruzzo, 400 volte di quella dell’acciaio, 1770 volte superiore di quello dell’alluminio.
– I pannelli in legno truciolare prodotti ogni anno con il legno riciclato sarebbero sufficienti a coprire la superficie di tutta l’area edificata della città di Roma.

 

The Italian forests is one of the richest in Europe and it is proud of 117 species of trees.
Currently has an area of 10,467,533 Ha (34.7% of the national area).
This area has doubled in the last 50 years. Faced with an annual increase of wood of 30 million m3, there is a use of 10 million m3 of which about 60% is firewood.

Why use wood?

There are two ways to reduce the amount of carbon dioxide in the atmosphere: reducing “carbon sources” and increase “carbon sinks”. The wood, including both functions, is in effect the first safeguard the planet’s biological.

Using wood as a substitute material for high carbon content products is the easiest and most effective way to reduce CO2 emissions, due to the combined effects of “carbon sink” (carbon absorption) and “carbon stock” (capacity for retaining the carbon for a time period corresponding to the life cycle of the product and also subsequently when the product is reused or recycled). At the moment no one else building material commonly used requires so little energy to produce as wood. More wood replaces other materials, plus the so-called “substitution effect” further reduces the CO2 in the atmosphere (requirements from ‘Art. 3.4. of the Kyoto Protocol).
The wooden structures also allow significant CO2 savings in terms of embodied energy: a typical wooden house save 5 tons of CO2 (about the total energy used to travel 23,000 km with a car of 1.4 cc.).

Some examples of socio-environmental benefits arising from the use of wood:
– The average structure of a wooden house can hold 12 to 30 tons of C, of which:
Wooden windows: 25 kg C / window
Wooden floor: 5 kg C / m2
Furniture: 1 t C / home
– A wooden roof contains between 4.6 and 10.5 m3 seasoned wood, a feature that allows it to hold between 3.7 and 8.4 tons of CO2 from the atmosphere.
– The wood has an extraordinary thermal insulation: 15 times better than concrete, 400 times that of steel, 1770 times higher than that of aluminum.
– The chipboard panels produced each year with recycled wood would be enough to cover the surface of all the built up area of the city of Rome.

Lascia un commento