Giornata mondiale del vento [Global Wind Day]

English

Fossa-del-Lupo-wind-farm-Italy-credit-ERG-Renew

Global Wind Day in Italia
Si è rinnovato anche quest’anno l’appuntamento con la Giornata Mondiale del Vento, evento di portata internazionale dedicato al mondo dell’eolico. Come tutti gli anni ANEV organizza in Italia delle attività per celebrare questa manifestazione, che riceve sin dalla prima edizione l’adesione del Presidente della Repubblica, il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Comune di Roma e quest’anno per la prima volta anche dal Ministero per i Beni e le Attività culturali.
La Giornata Mondiale del Vento è stata celebrata in Italia l’11 giugno a Roma, data nella quale si è tenuta l’Assemblea generale ANEV, un Convegno istituzionale e un concerto di Danilo Rea sul Vento.

Il Convegno “Eolico italiano: costi e benefici”, è tenuto presso l’Auditorium del GSE.

Si è concluso il primo triennio dei nuovi meccanismi delle aste e dei registri (disciplinati dal DM 6 luglio 2012 e facente riferimento al periodo 2013-2015) all’interno del quale hanno avuto luogo le prime procedure competitive per l’assegnazione di incentivi e le aziende del settore eolico sono in attesa dell’emanazione del Decreto per la definizione dei nuovi contingenti d’asta da parte del Ministero dello Sviluppo economico. Tale prima fase ha evidenziato alcune criticità e l’adozione dei nuovi contingenti per l’eolico risulta oltremodo opportuna in quanto i benefici connessi alla realizzazione dei nuovi impianti (riduzione del prezzo elettrico, gettito fiscale, benefici territoriali) risultano significativamente superiori rispetto ai costi di incentivazione previsti. L’adozione di nuovi contingenti si rende inoltre necessaria per il raggiungimento degli obiettivi di capacità eolica al 2020 previsti dal PAN del 2010, pari a 12.680 MW (di cui 680 MW di off-shore) – obiettivo che sarebbe impossibile raggiungere facendo riferimento agli strumenti di incentivazione attualmente previsti e per ottemperare quindi agli impegni presi in sede europea.

L’eolico rappresenta una risorsa per l’Italia sotto vari punti di vista. Oltre che per la valenza ambientale, per quella economica e occupazionale, anche perché può avere il suo peso nell’ambito del “capacity market”, offrendo ulteriori opportunità per le aziende italiane all’estero.
A fare il punto sulla necessità di un intervento tempestivo da parte delle istituzioni è stato invitato un panel di esperti di rilievo nazionale e internazionale.

It is renewed this year the appointment with the Global Wind Day, international event dedicated to the world of wind energy. As every year in Italy ANEV organizes activities to celebrate this event, which receives from the first edition, the support of the President of the Republic, under the patronage of the Ministry of Environment, the Ministry of Economic Development, the City of Rome and this year for the first time by the Ministry of Heritage and Culture.

The Global Wind Day has been celebrated in Italy on June 11th in Rome, the date on which ANEV General Assembly held an institutional conference and a concert by Danilo Rea on the Wind.

The conference “Wind Italian: costs and benefits”, was held at the Auditorium of the GSE.

Ended the first three years of the new mechanisms of rods and logs (governed by DM 6 July 2012, and referring to 2013-2015) inside which took place the first competitive procedures for the award of incentives and wind energy sector companies are awaiting approval of the Decree for the establishment of new quotas for auction by the Ministry of Economic Development. This first phase has highlighted problems and the adoption of new quotas for the wind farm is extremely appropriate because the rewards of constructing new plants (price reduction electric, tax revenue, benefits territorial) are significantly higher than the costs incentive provided. The adoption of new contingents will also makes it necessary to achieve the objectives of wind capacity by 2020 set by the PAN in 2010, amounting to 12,680 MW (including 680 MW offshore) – that goal would not be reached by referring to the tools incentive currently provided and to comply then the commitments signed in the UE.

The wind is a resource for Italy from various points of view. In addition to the environmental value, for the economic and employment situation, also because it can have its weight within the “capacity market”, offering additional opportunities for Italian companies abroad.
To take stock of the need for early action by the institutions was invited a panel of experts of national and international importance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *