Ripulire l’isola di plastica in azione! [Cleaning up the Ocean from plastic wastes in action!]

English

Il progetto per liberare gli oceani dalla plastica sarà realtà
Tra pochissimo potremo scoprire se pulire gli oceani, eliminando i rifiuti di plastica, sia possibile o ancora un sogno.
Il progetto più ambizioso della storia sarà testato in Giappone l’anno prossimo.

Boyan Slat, la mente dietro a questo progetto, è un ragazzo di vent’anni, CEO di The Ocean Cleanup, un’organizzazione che ricerca il modo più economico ed efficace di depurare gli oceani.
“Sono sempre stato un appassionato di tecnologia”, ha detto Boyan: “da quando avevo 12 anni.”

Il bisogno di trovare una soluzione alla sporcizia del mare nasce durante una normalissima vacanza in Grecia, quando Boyan si accorge che in acqua ci sono più rifiuti che pesci.
Dopo aver trovato un’idea ha bisogno di soldi per metterla in pratica, e così dà il via a una campagna di crowdfunding internazionale.
In poco tempo il progetto riceve finanziamenti e un team di 100 specialisti, tra scienziati e ingegneri, si mette al lavoro.
Per capire come mai la campagna di Boyan abbia avuto così tanto successo basta leggere uno studio allarmante sull’inquinamento ambientale. I rifiuti di plastica sono arrivati a contaminare l’88% della superficie degli oceani.

A causa delle correnti oceaniche tonnellate di rifiuti si raccolgono in zone specifiche, tra cui l’isola di Tsushima in Giappone.
Proprio l’amministrazione e i cittadini di quest’isola si sono rivolti a Boyan e al suo gruppo di ricerca per realizzare sulle proprie acque il primo test del sistema di depurazione.
Lo strumento ideato da Boyan consiste in una gigantesca barriera galleggiante lunga più di un chilometro che muovendosi, spinta dalle correnti d’acqua, raccoglie i rifiuti che trova sul suo corso, lasciando passare i pesci attraverso dei fori speciali.

Il sistema è tanto efficace quanto semplice. La maggior parte della plastica infatti staziona in superficie o entro i primi tre metri, uno spazio che la barriera copre totalmente.
Se il progetto di Boyan funzionerà, saranno sviluppati in larga scala molti altri sistemi di pulizia degli oceani.
E in pochi anni sarà possibile progettare una barriera molto più grande in grado di raccogliere tutti i rifiuti dell’Oceano Pacifico.

 

The project to clear the oceans from plastic will become true.

In a very short time we will find out if the oceans clean, removing plastic waste, it is possible or even a dream.
The most ambitious project in the history will be tested in Japan next year.

Boyan Slat, the mastermind behind this project, is a boy of twenty years old, CEO of The Ocean Cleanup, an organization which seeks the most economical and effective way to purify the oceans.

“I’ve always been a technology enthusiast,” said Boyan: “since I was 12 years old.”
The need to find a solution to the garbage in the sea is born during a normal holiday in Greece, when Boyan realizes that in water there are more waste than fish.
After finding an idea he needs some money to put it into practice, and so gives off an internationally crowdfunding campaign.

In a short time the project receives funding and a team of 100 specialists, including scientists and engineers, start working. To understand why Boyan’s campaign has been so successful is enough to read an alarming environmental pollution study. The plastic wastes have been contaminated 88% of the surface of the oceans.
Due of ocean currents, tons of wastes are collected in specific areas, including Tsushima island in Japan. Its administration and the citizens of this island have addressed to Boyan and his research team to realize their first test of the water purification system.

The tool developed by Boyan consists of a giant floating barrier, more than a kilometer long that moving pushed by currents , collects the waste, leaving the fish pass through with some special holes.

The system is as effective as simple. Most of the plastic in fact is stationed at the surface or within the first three meters, a space fully covered by the barrier.

If the Bojan’s project works, they will be developed in large-scale many other oceans cleaning sistems. And in a few years it will be possible to design a much bigger barrier able to collect all the wastes in the Pacific Ocean.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *