Comieco

English

1328112580comieco

Italia paese sempre più virtuoso nella raccolta differenziata di carta e cartone. Dopo un quinquennio in cui la raccolta si era mantenuta stabile, anche a causa della contrazione dei consumi, nel 2014 si registra un aumento del 4% rispetto al 2013, con una raccolta comunale che supera 3,1 milioni di tonnellate. Si tratta di 120 mila tonnellate in più: è come se una nuova regione italiana si fosse aggiunta alle 20 già esistenti.
Dalla costituzione di Comieco, nel 1985, la raccolta differenziata di carta e cartone è passata da 300 mila a 3 milioni di tonnellate, con previsioni positive anche per il 2015.

Variazioni tutte in positivo per le tre macro aree: +1,6% per il Nord (dove spicca la Liguria con un +6,7%), +4,7% per il Centro (con la performance migliore del Lazio: +9,9%) e ben +10,6% per il Sud (trainato dalla Campania con il suo +17,6%).

Ma quanta carta e cartone raccoglie in media ogni italiano? Poco meno di 52 kg l’anno. Il podio assoluto vede ai primi tre posti il Trentino Alto Adige con 83,1 kg per abitante, seguito a poca distanza dall’Emilia Romagna con 81,8 kg e dalla Valle d’Aosta con 73,5 kg per abitante.

In sintesi, Centro e Nord viaggiano ormai da alcuni anni affiancate, con un pro capite che nel 2014 si attesta intorno a 63 kg per abitante l’anno. Più staccato invece il Sud, nonostante il notevole incremento registrato lo scorso anno, con 29,9 kg. Un risultato confortante, che lascia ben sperare, ma che induce a lavorare ancora su alcune regioni che fanno più fatica ad allinearsi ai trend nazionali, come la Sicilia che nel 2014 registra una diminuzione della raccolta pari al 7,1%.


Italian country more and more virtuous in the separate collection of paper and cardboard. After five years in which the collection had remained stable, partly because of the drop in consumption in 2014 indicate an increase of 4% compared to 2013, with a municipal collection that exceeds 3.1 million tons. It is 120 thousand tons more: it is as if a new Italian region was added to the 20 that already exist.

Since the establishment of Comieco, in 1985, the separate collection of paper and cardboard has increased from 300,000 to 3 million tons, with positive forecasts for 2015.
Variations in a positive share for the three macro-areas: + 1.6% for the North (where stands the Liguria with a + 6.7%), 4.7% for the center (with the best performance of Lazio: +9, 9%) and well + 10.6% for the South (driven by Campania with its + 17.6%).

But how much paper and cardboard on average collects every Italian? A little less than 52 kg per year. The overall podium see the first three places Trentino Alto Adige with 83.1 kg per inhabitant, closely followed by Emilia Romagna with 81.8 kg and the Valle d’Aosta with 73.5 kg per capita.

In short, North and Central travel for some years side by side, with a per capita in 2014 was around 63 kg per inhabitant per year. Some distance away however the South, despite the significant increase recorded last year, with 29.9 kg. A comforting result, which augurs well, but that leads to more work on some areas that are more difficult to align with the national trend, such as Sicily, which in 2014 recorded a decrease in deposits of 7.1%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *