Foreste: patrimonio da salvare

English

Le foreste hanno un ruolo insostituibile a livello biologico ed economico: contribuiscono alla tutela della biodiversità, svolgono un ruolo fondamentale nella conservazione delle acque e del suolo (difesa da frane e erosioni), forniscono innumerevoli prodotti non solo legnosi e cibo a centinaia di milioni di persone, sono tra i principali serbatoi di assorbimento del carbonio.

Le foreste tropicali, che coprono appena il 7 per cento della superficie del pianeta, ospitano circa la metà delle specie animali e vegetali conosciute, e sono le foreste più minacciate dall’avanzata dell’uomo. Secondo l’ultimo rapporto sullo stato delle foreste curato dalla FAO, il “Forest resource assessment”, ogni anno vengono distrutti 13 milioni di ettari di foreste naturali. In un decennio abbiamo perso un’estensione di foreste pari a 940 mila kmq: una foresta grande come l’intero Egitto.

Le minacce principali alle foreste sono la loro conversione in terreni agricoli e destinati all’allevamento zootecnico, il taglio e il commercio illegale di prodotti forestali, gli incendi, l’avanzamento dell’urbanizzazione, in poche parole una insostenibile gestione di questo patrimonio unico. Proprio per le molteplici funzioni che svolgono, la perdita e la degradazione delle foreste sono fenomeni preoccupanti. In alcuni paesi tropicali il tasso di deforestazione è più che allarmante, paesi come l’Indonesia e il Brasile ne sono un esempio.

Le foreste primarie – quelle senza tracce visibili di attività umane passate o presenti – rappresentano oramai solo il 36 per cento del totale, ma vengono distrutte, o modificate, ancora al ritmo di circa 6 milioni di ettari all’anno a causa dei molteplici processi di deforestazione. Anche se appare in diminuzione la perdita netta di foreste, questo è dovuto ai programmi di riforestazione e afforestazione in alcune zone e alla naturale espansione delle foreste esistenti, ma la ricchezza di queste foreste è ben diversa.

La perdita netta annuale di aree forestali tra il 2000 ed il 2010 è stata di 5,2 milioni di ettari – un’area pari alle dimensioni del Costa Rica – meno rispetto al decennio precedente, che era stata di 8,3 milioni di ettari l’anno ma pure sempre preocupante. La zona più colpita è stata il Sudamerica con circa 4,3 milioni di ettari di foreste persi all’anno, seguita dall’Africa che ne ha persi circa 4 milioni di ettari e l’Asia con poco meno di 2,5 milioni di ettari.

Forests have a unique role in biological and financial level: contribute to the protection of biodiversity, play a vital role in the conservation of water and soil (defended by landslides and erosion), provide numerous products not only wood and food to hundreds of millions of people, they are the major carbon absorption tanks.

Tropical forests, which account for just 7 percent of the planet’s surface, are home to about half of all known animal and plant species , and they are the most forests threatened by the advance of man. According to the latest report on the state of forests edited by FAO, the “Forest resource assessment”, 13 million hectares of natural forests are destroyed every year. In a decade we have lost an area of forest equal to 940,000 sq km: a large forest as the whole of Egypt.

The main threats to forests is their conversion into agricultural land for farming and animal husbandry, cutting and illegal trade in forest products, the fires, the urbanization progress, simply put an unsustainable management of this unique heritage. Precisely because of the many functions they perform, the loss and degradation of forests are a worrying phenomena. In some tropical countries the rate of deforestation is more than alarming, countries like Indonesia and Brazil are an example.

Primary forests – those without visible traces of past or present human activities – now represent only 36 percent of the total, but are destroyed, or modified, even at a rate of about 6 million hectares per year because of the multiple processes deforestation. Although it appears decreased the net loss of , this is due to reforestation and afforestation programs in some areas and the natural expansion of existing forests, but the wealth of these forests is quite different.

The annual net loss of forest area between 2000 and 2010 was 5.2 million hectares – an area equal to the size of Costa Rica – less than in the previous decade, which was 8.3 million hectares per year but also always worrying. The most affected area was South America with about 4.3 million hectares of lost per year, followed by Africa which has lost about 4 million hectares and Asia with just under 2.5 million hectares .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *