Mobili in Bambù

Origini dell’uso del bambù

Le origini e l’impatto ambientale delle materie prime stanno diventando importanti per i consumatori quanto l’aspetto, la sensazione e la funzionalità dei prodotti stessi. Costruire una comprensione completa del valore dei diversi materiali, considerando i loro punti di forza e di debolezza, è un’abilità inestimabile da sviluppare durante la progettazione.

Al di là del mondo dei mobili tradizionali cinesi, il bambù viene spesso trascurato, ma può essere utilizzato sia per la struttura strutturale di un mobile, sia per la sua polpa trasformata in tessuto per la tappezzeria.

La crescita eccezionalmente rapida del bambù, le fibre che assorbono l’umidità e la facilità di coltivazione lo hanno reso una scelta popolare per le persone che cercano un’opzione più sostenibile. Può essere raccolto dopo appena 3-5 anni (rispetto ai 10-20 anni di molti legni teneri). Il bambù può essere lavorato meccanicamente e chimicamente: ogni metodo offre diversi attributi fisici e impronte socio-ecologiche.

La Cina, l’India, il Myanmar e la Tailandia sono i maggiori produttori mondiali di bambù, una coltura che è spesso genericamente “greenwashed” come sostenibile grazie a: modelli di crescita densi (uso efficiente dello spazio); complessa struttura delle radici (previene l’erosione e mantiene la salute del suolo); tassi di respirazione molto alti (assorbimento significativo di anidride carbonica e produzione di ossigeno); efficienza idrica (non richiede irrigazione); e robustezza (non richiede pesticidi o insetticidi).

Tuttavia, fattori determinanti specifici del caso come la pulizia del terreno, le pratiche di raccolta, condizioni di lavoro e irrigazione supplementare o pesticidi (che non sono necessari per la crescita del bambù, ma migliorano le prestazioni) devono essere presi in considerazione nel determinare quanto sia sostenibile un materiale.

Mentre al bambù vengono spesso attribuite proprietà uniche come l’antibatterico, a causa della varietà di specie di bambù e dei processi di produzione dei materiali, questi non dovrebbero essere accreditati senza test specifici del prodotto. Non tutte le diverse specie di bambù possiedono le stesse caratteristiche o si comportano nello stesso modo.

Lavorazione (tavole di bambù)

Striscia: il bambù viene tagliato a strisce sottili e sottoposto a pressione in un processo chiamato carbonizzazione. Viene quindi essiccato in forno prima che le strisce vengano laminate insieme. Le strisce possono essere laminate orizzontalmente o verticalmente. Uno dei vantaggi della costruzione della striscia laminata è che c’è meno rigonfiamento e contrazione rispetto ai pannelli in legno massello.

Filo – il processo è più o meno lo stesso, tuttavia i fili sottili non sono incollati tra loro ma vengono compressi ad alta pressione per formare un nuovo materiale composito, che è molto più denso e più duro della sua controparte a nastro.

Lavorazione (tessuti di bambù)

I germogli di erba legnosa e le foglie vengono polverizzate e poi rettificate (immerse in acqua) per ammorbidirsi. Successivamente, la polpa fibrosa viene pettinata, raffinata e filata. Il risultato è un tessuto di bambù “lino” o “naturale”, adatto per la tintura e non richiede un pretrattamento intensivo.

La lavorazione meccanica produce il tessuto di bambù più ecologico. A causa del tempo e dell’intensità di lavoro della lavorazione meccanica, il tessuto di bambù naturale privo di sostanze chimiche è relativamente costoso e difficile da reperire.

 

Cinque motivi per considerare il bambù

 

  1. Ecologico: il bambù può essere coltivato in modo sostenibile senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti a causa del suo rapido tasso di crescita e del rivestimento protettivo.
  2. Forza e flessibilità: questa è una combinazione rara e apre molte porte per i design e gli usi dei prodotti. Quando vengono utilizzati nei mobili, le fibre di bambù sono comode per sedersi e hanno la flessibilità di piegarsi con il peso di una persona.
  3. Leggero e facile da spostare, questo lo rende un materiale pratico da utilizzare per mobili di grandi dimensioni come tavoli, panche e armadi, consentendo alle persone di sollevare e spostare i mobili a loro piacimento.
  4. Praticità e comfort: il tessuto in bambù è altamente traspirante, resistente agli odori e termoregolante. Si sente setoso e lussuoso, offrendo un comfort ineguagliabile. I mobili in bambù possono essere molto comodi e meno rigidi di quelli realizzati con altri materiali come il legno
  5. Facile manutenzione: i mobili in bambù sono molto lisci grazie al rivestimento naturale di olio che si trova nelle sue fibre e può essere pulito facilmente.

 

In sintesi, il bambù è un’ottima scelta per l’arredamento, nella sua forma grezza, come una tavola lavorata e come un tessuto.

 

Sommario
Mobili in Bambù
Nome Articolo
Mobili in Bambù
Descrizione
Le origini e l'impatto ambientale delle materie prime stanno diventando importanti per i consumatori quanto l'aspetto, la sensazione e la funzionalità dei prodotti stessi. Costruire una comprensione completa del valore dei diversi materiali, considerando i loro punti di forza e di debolezza, è un'abilità inestimabile da sviluppare durante la progettazione. Al di là del mondo dei mobili tradizionali cinesi, il bambù viene spesso trascurato, ma può essere utilizzato sia per la struttura strutturale di un mobile, sia per la sua polpa trasformata in tessuto per la tappezzeria.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo