Riduzione delle energie rinnovabili per il cambiamento climatico

I cambiamenti climatici influenzeranno negativamente la produzione di energia nei paesi europei, indipendentemente dal livello di riscaldamento globale.

Questo è stato concluso da una valutazione dell’impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione di energia eolica, solare, idroelettrica e termoelettrica in 28 paesi dell’Unione Europea. L’Europa meridionale, in particolare la Spagna e il Portogallo, sarà maggiormente colpita rispetto all’Europa settentrionale.
La valutazione si è concentrata su tre livelli di riscaldamento globale al di sopra dei livelli preindustriali: 1,5 ° C, 2 ° C e 3 ° C. I primi due livelli sono in linea con gli obiettivi raggiunti nell’accordo di Parigi COP21, mentre il terzo è il livello più probabile dato gli attuali contributi volontari nazionali alla riduzione delle emissioni di gas serra. È stata utilizzata una serie di simulazioni climatiche basate su diverse combinazioni di modelli climatici. Il periodo 1971-2000 è stato utilizzato come clima di riferimento per confrontare i futuri cambiamenti nella produzione di energia.

Impatto globale sulla produzione di energia elettrica in Europa

I cambiamenti climatici hanno impatti negativi sulla produzione di elettricità nella maggior parte dei paesi e per la maggior parte delle tecnologie. Gli impatti rimangono limitati per un riscaldamento di 1,5 ° C e circa il doppio per un riscaldamento a 3 ° C. Gli impatti sono relativamente limitati per il potenziale di energia solare ed eolica che può ridurre fino al 10%, mentre la produzione idroelettrica e termoelettrica può diminuire fino al 20%. Generalmente, gli impatti sono più severi nell’Europa meridionale che nell’Europa settentrionale. Aumentare la quota di energia eolica e solare in combinazione con la riduzione dell’energia termoelettrica (principalmente energia basata su combustibili fossili) nel mix energetico europeo avrà un doppio vantaggio: contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici e rendere la generazione di energia meno vulnerabile ai cambiamenti climatici.

Energia eolica

Le riduzioni complessive del potenziale eolico fino al 5% sono previste per tutti i paesi dell’UE al di sotto di 1,5 ° C e al riscaldamento globale di 2 ° C, ad eccezione della Grecia, dove i cambiamenti previsti sono positivi. Sotto il 3 ° C le riduzioni del riscaldamento globale previste sono anche del 5% per la maggior parte dei paesi, ad eccezione di Portogallo, Irlanda e Cipro, dove le riduzioni di magnitudo dovrebbero superare il 5% (avvicinandosi al 10% per Cipro).

Energia solare

Le riduzioni previste del potenziale di energia solare a 1,5 ° C e 2 ° C di riscaldamento globale sono in genere fino al 5% per la maggior parte dei paesi si aspettano Portogallo, Spagna, Grecia e Cipro, dove le variazioni erano molto piccole. Sotto il 3 ° C le riduzioni del riscaldamento globale previste sono anche del 5% per la maggior parte dei paesi, ad eccezione dei paesi baltici, Finlandia e Svezia, dove i declini previsti sono compresi tra il 5% e il 10%. La prevista riduzione del potenziale di energia solare è dovuta a una diminuzione delle radiazioni a onde corte a basso carico, probabilmente legate all’aumento del vapore acqueo dovuto al riscaldamento.

Energia idroelettrica

Si prevede che il potenziale idroelettrico aumenti nell’Europa settentrionale, orientale e occidentale e diminuisca nell’Europa meridionale (Grecia, Spagna e Portogallo). Complessivamente, più riscaldamento porta a cambiamenti più marcati: le variazioni medie previste non superano il 10% per 1,5 ° C, il 15% per 2 ° C o il 20% per il riscaldamento a 3 ° C. I paesi baltici e scandinavi trarrebbero maggior beneficio dal riscaldamento globale: il potenziale medio idroelettrico previsto aumenterebbe di oltre il 15% al di sotto del riscaldamento di 3 ° C. Questi risultati del modello sono tuttavia molto incerti.

Energia termoelettrica

La capacità delle centrali termoelettriche di utilizzare l’acqua del fiume per il raffreddamento dovrebbe ridursi in tutti i paesi europei a causa di una combinazione di temperature dell’acqua più elevate e di flussi di fiumi estivi ridotti. Più è alto il riscaldamento maggiori saranno gli impatti. Per la maggior parte dei paesi, le riduzioni sono del 5% per 1,5 ° C, del 10% per 2 ° C e del 15% per il riscaldamento di 3 ° C. La Bulgaria, la Grecia e la Spagna saranno le più colpite (diminuzione del 15% -20%). Questi risultati sono probabilmente sopravvalutati: è stato preso in considerazione solo il raffreddamento mediante acqua di fiume, mentre le centrali elettriche che utilizzano acqua di mare o il raffreddamento a secco (aria) sono probabilmente meno sensibili ai cambiamenti climatici.

Gli autori sottolineano che le ipotesi nel loro studio portano a incertezze, quindi i risultati dovrebbero essere presi in modo qualitativo. Tuttavia, sostengono, gli ordini di grandezza sono pertinenti e affidabili. Essi concludono che è necessario un adattamento ai cambiamenti climatici, in particolare per i settori dell’energia termoelettrica e dell’energia idroelettrica in Europa. Le opzioni di adattamento comprendono maggiore efficienza dell’impianto e cambiamenti nei tipi di sistemi di raffreddamento.

Sommario
Riduzione delle energie rinnovabili per il cambiamento climatico
Nome Articolo
Riduzione delle energie rinnovabili per il cambiamento climatico
Descrizione
I cambiamenti climatici influenzeranno negativamente la produzione di energia nei paesi europei, indipendentemente dal livello di riscaldamento globale. Questo è stato concluso da una valutazione dell'impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione di energia eolica, solare, idroelettrica e termoelettrica in 28 paesi dell'Unione Europea. L'Europa meridionale, in particolare la Spagna e il Portogallo, sarà maggiormente colpita rispetto all'Europa settentrionale.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo