La nuova mobilità sostenibile

Rivoluzione nella mobilità sostenibile

Alla fine di marzo, due rivali che hanno combattuto per una quota di mercato in un settore competitivo per quasi un secolo hanno annunciato una partnership inaspettata per fondere i rispettivi punti di forza del mercato e ottenere un vantaggio in un panorama che sta cambiando radicalmente. Non stiamo parlando di fusione bancaria o nelle telecomunicazioni; stiamo parlando di una pietra miliare nella “nuova mobilità”. Il 28 marzo 2018, i giganti dell’auto Daimler e BMW hanno annunciato la fusione delle loro divisioni di servizi di mobilità, segnalando l’importanza del cambiamento globale in corso verso Mobilità come servizio (MaaS) e come questo cambiamento stia interessando drasticamente il settore dei trasporti.

L’industria MaaS sta trasformando il modo in cui le persone si muovono. Le persone escono dalle loro auto ed entrano in quelle di qualcun altro a tariffe senza precedenti, sfruttando i vantaggi offerti dalla mobilità condivisa senza il fastidio di guidare, parcheggiare o possedere un’auto. Nel corso del 2017, Lyft ha completato 375,5 milioni di corse negli Stati Uniti e Toronto, e il numero di corse uniche è passato da 12 milioni a 23 milioni dal 2016 al 2017, mentre Uber ha avuto 4 miliardi di corse a livello mondiale. Le società automobilistiche si stanno rendendo conto che dovranno offrire più dei veicoli man mano che avanza l’era della nuova mobilità.

I tempi (l’annuncio di Daimler e BMW è una delle numerose collaborazioni recenti nel nuovo ambito della mobilità) e la posizione (Austin è una città pilota principale per la nuova trasformazione della mobilità) sono stati notevoli. Hanno creato l’ambiente perfetto per capire come i settori pubblico e privato possono effettivamente collaborare per garantire che la nuova mobilità abbia un effetto equo e positivo sulle persone e le comunità che servono. La presenza e la partecipazione di entità disparate hanno portato a una discussione che ha rivelato opportunità che raramente affiorano in luoghi più tradizionali. I partecipanti alla tavola rotonda hanno esplorato in che modo il transito pubblico può funzionare con altre modalità, incluso il microtransit; società di reti di trasporto come Lyft, Uber e Rideaustin; Bikeshare; e car sharing per creare interessanti opzioni per cittadini e città.

I leader nazionali dei settori pubblico e privato, le organizzazioni non profit e le organizzazioni della comunità si sono riuniti per un’entusiasmante discussione sulle opportunità e le sfide associate a questa trasformazione. Ecco alcune delle intuizioni chiave:

Non sottovalutare il cambiamento culturale necessario per cambiare definitivamente il paradigma della mobilità

Mentre le città combattono con la congestione, la cultura e le aspettative sulla mobilità devono cambiare. Ma i benefici di un tale cambiamento sono evidenti. Le opzioni di mobilità condivisa offrono un’opportunità per connettersi con la comunità in modi che mai si avrebbero su un veicolo a occupazione singola. Ad esempio, quanti di voi hanno condiviso una bella chiacchierata con un altro passeggero che viaggia su Lyft Line? O hai saputo di un nuovo grande ristorante dal tuo autista Uber? Inoltre, quando si fanno delle scelte di mobilità, le persone dovrebbero considerare in che modo le loro decisioni personali avranno un impatto sulle loro comunità. Le decisioni individuali di guidare da soli in un veicolo, se combinate, sono ciò che porta alla congestione e all’inquinamento, tra le altre sfide. “I pronomi sono un problema”, ha detto Nat Parker, CEO di Moovel North America. “La cultura ‘io’ e ‘me’ costruita intorno alla libertà delle auto ha definito il tessuto e la composizione delle nostre città e come abbiamo progettato i centri urbani.”

Considerare come nuova mobilità può consentire mobilità sociale verso l’alto

Quando si discutono le sfide del sistema di trasporto degli Stati Uniti, gli esperti spesso sollevano la sicurezza, la congestione e le emissioni come problemi principali. Tutti questi fattori sono di vitale importanza da considerare, ma lo sono anche le opportunità economiche. È necessario creare soluzioni di mobilità affidabili, efficienti ed economiche in modo che i cittadini abbiano accesso ai posti di lavoro e opportunità di crescita. “Vediamo la mobilità come la cosa che ti aiuta a raggiungere il prossimo passo nella tua vita, dove vuoi andare”, ha detto Karina Ricks, direttrice del Dipartimento di mobilità e infrastrutture di Pittsburgh.

Le città sono nel posto di guida del futuro della mobilità sostenibile

Le città sono in una posizione privilegiata per assumere il ruolo di guida nella regolazione dell’ecosistema della mobilità per garantire che i benefici di questa trasformazione siano condivisi in tutte le comunità. “Abbiamo davvero bisogno di prestare attenzione ai problemi di equità, e assicurarci che tutti siano serviti dagli stessi tipi di servizi, non solo che i ricchi ottengano le loro auto private e i poveri arrivino al transito di massa”, ha detto Tim McHugh, chief technology officer a TriMet.

Mentre la popolazione degli Stati Uniti continua a crescere, la mobilità condivisa dovrebbe essere prioritaria. Il trasporto condiviso è il modo più efficiente per utilizzare lo spazio stradale limitato. Una linea Lyft con tre passeggeri occupa meno spazio su strada di tre Lyfts con un passeggero ciascuno o tre veicoli a occupazione singola. Con il miglioramento della tecnologia, il trasporto condiviso continuerà ad essere la soluzione di mobilità più efficiente per le città. I regolatori di città hanno l’opportunità di dare la priorità alle modalità più efficienti sotto il profilo dello spazio: quelle che sono condivise o attive.

“L’intero paese sta affrontando un problema di capacità. Se potessimo concentrarci sul livello di servizio alle persone e sul calo del livello di servizio come metrica che utilizziamo per misurare il rendimento del nostro sistema di trasporto, potremmo aiutare le persone a trovare il tempo necessario “, ha dichiarato Meg Merritt, principal presso Nelson Nygaard.

Mobilità condivisa + elettrificazione = una formula per un impatto duraturo

In molti casi, le spese operative rappresentano la principale sfida che impedisce ai fornitori di mobilità di offrire un servizio più frequente. I veicoli elettrici autonomi alimentati da energia rinnovabile offrono un’opportunità per ridurre drasticamente i costi operativi e aumentare significativamente la frequenza. “Ciò che è interessante è pensare ai costi operativi che tendono a zero … perché l’autonomia, ovviamente, richiede una grande quantità di costi. L’altro passaggio alla mobilità elettrica riduce drasticamente i costi del carburante e, se guardiamo al futuro del sistema energetico, questi veicoli elettrici diventano una risorsa enorme sulla rete elettrica a causa del loro accumulo di batterie “, ha dichiarato Jules Kortenhorst, CEO di RMI.

Progettare le città del futuro, oggi

Mentre le città affrontano sfide di mobilità, stanno anche affrontando una crescita significativa della popolazione, carenza di alloggi e aumenti del costo della vita. I leader della città hanno una scelta da fare: possono abbracciare l’uso del territorio e le pratiche di progettazione urbana che collegano le comunità dando priorità alle persone sui veicoli, oppure possono continuare a costruire, contribuendo all’espansione urbana incontrollata e aggravando i problemi di mobilità. La densità, non solo nell’alloggiamento, ma anche in una varietà di usi (ad esempio, vendita al dettaglio, cibo, attività ricreative), è fondamentale per creare ambienti in cui i cittadini possano trarre vantaggio da varie opzioni di mobilità percorribili. “A Los Angeles, abbiamo bisogno di centinaia di migliaia di nuove unità [residenziali] solo per stare al passo con la crescita, e vogliamo che queste siano sviluppate in modi supportati dai servizi di mobilità per fornire viaggi e ottenere connessioni per il transito che avvengano senza gareggiare spazio che dovrebbe essere usato per le persone “, ha detto Hilary Norton, direttore esecutivo di FAST – Fixing Angelenos Stuck in Traffic.

 

I leader dei trasporti e i sostenitori delle tecnolgoia possono sviluppare la visione del tunnel, dove si concentrano solo sul miglioramento di un elemento di un sistema di trasporto. Migliori piste ciclabili, maggiore adozione di veicoli elettrici o migliori transizioni da sole non saranno la soluzione. Per trovare soluzioni a sfide di trasporto difficili, le comunità hanno bisogno di un menu diversificato di opzioni connesse. La collaborazione tra diversi gruppi di stakeholder è fondamentale per trasformare questo obiettivo in realtà.

 

Sommario
La nuova mobilità sostenibile
Nome Articolo
La nuova mobilità sostenibile
Descrizione
Alla fine di marzo, due rivali che hanno combattuto per una quota di mercato in un settore competitivo per quasi un secolo hanno annunciato una partnership inaspettata per fondere i rispettivi punti di forza del mercato e ottenere un vantaggio in un panorama che sta cambiando radicalmente. Non stiamo parlando di fusione bancaria o nelle telecomunicazioni; stiamo parlando di una pietra miliare nella "nuova mobilità". Il 28 marzo 2018, i giganti dell'auto Daimler e BMW hanno annunciato la fusione
Autore
Editore
Home Green Home
Logo