Green Start-Up: Le nuove imprese verdi

Quando Alessandro Leonardi ha iniziato la sua laurea in scienze forestali dieci anni fa all’Università di Padova in Italia, gli studenti forestali raramente si sono avvicinati ad una classe di business school – corsi di amministrazione aziendale, finanza o marketing non facevano parte del curriculum. Nel 2011, dopo aver completato la laurea, Leonardi e alcuni compagni hanno deciso di avviare la propria società di consulenza ambientale, ETIFOR. Si trovarono di fronte a una curva di apprendimento ripida.

“Non ho avuto alcuna conoscenza commerciale o di marketing quando ho iniziato la mia azienda”, ha detto Leonardi. “Ho dovuto acquisire queste informazioni da solo, questo ha richiesto più tempo per sviluppare la mia attività e creare un impatto”.

Oggi ETIFOR offre servizi di trasferimento di tecnologia che collegano gli scienziati con gli operatori del mercato. Ma il progetto e la passione di Leonardi sono stati uno sforzo ambizioso per aiutare a far germogliare gli imprenditori nel settore ambientale.

Gli affari vanno a gonfie vele nell’area del “business basato sulla natura”, che comprende iniziative che vanno dalle aziende di restauro ecologico all’ecoturismo fino alla produzione di materie prime sostenibili. Uno studio stima che il restauro ecologico negli Stati Uniti sia un’industria da 25 miliardi di dollari l’anno che impiega direttamente 126.000 persone e sostiene indirettamente 95.000 posti di lavoro, più posti di lavoro che nei settori del disboscamento, dell’estrazione di carbone o del ferro e acciaio. A livello globale, un recente sondaggio di aziende specializzate nella riforestazione e nella piantumazione di alberi ha rilevato che alcune aziende vedono il loro fatturato crescere fino dieci volte l’anno.

Se sei un imprenditore nel settore tecnologico, ci sono letteralmente centinaia di programmi di accelerazione e migliaia di investitori da sfruttare mentre affini un modello di business e persegui la tua crescita.

“C’è un divario generale nel supporto di qualsiasi attività che non sia tecnologica”, ha dichiarato a Ecosystem Marketplace Luni Libes, un imprenditore di lunga data e fondatore del “acceleratore aziendale consapevole” di Seattle, Fledge. “C’è molto più aiuto, programmi e finanziamenti se c’è un componente software per il business.”
Unisci ECOSTAR Nature-Accelerator, uno sforzo collaborativo tra ETIFOR, Forest Ecosystem Marketplace di Forest Trends, mentore di aziende come Forest Design (rumeno), NEPCon e Ricardo Energy & Environment, nonché l’Università di Padova, Politecnico di Madrid, Università di Manchester e Transilvania University of Brasov, e con l’aggiunta di Fledge.

A Marzo, ECOSTAR ha selezionato la sua prima coorte di otto startup per partecipare al suo programma di accelerazione inaugurale a Padova questa estate. Le start-up riceveranno un finanziamento iniziale, un intenso programma di consulenza e formazione e l’accesso alla rete globale di investitori e mentori di ECOSTAR. Ecco le start-up:

Central Park Bees (Tanzania)

Central Park Bees Limited è un’impresa sociale che collabora con piccoli agricoltori e apicoltori per rafforzare le loro entrate attraverso l’apicoltura sostenibile dando loro accesso alla formazione gratuita dell’apicoltura, prestiti per le attrezzature, servizi di estensione e mercati garantiti che offrono prezzi competitivi per il miele e la cera d’api che producono.

Crické (Regno Unito)

Crické è una start-up di innovazione alimentare con sede a Londra che produce e commercializza prodotti alimentari sani, ecologici e gustosi a base di insetti. Combina ricette tradizionali mediterranee con farina di grillo – una fonte di proteine, vitamine, minerali e fibre a basso impatto.

Green Charcoal (Uganda)

Green Charcoal utilizza i noccioli di palma scartati per estrarre il vero valore di una risorsa altrimenti sprecata. Il suo prodotto principale deriva dalla macinazione degli stessi gusci dove crea una mattonella più efficiente e termoradiante. Fornisce inoltre altri rifiuti agricoli abbondanti, altrimenti scartati, come bucce di caffè, pannocchie di granturco (mais) e bucce di riso per fare una mattonella. I gusci rimanenti vengono macinati per ottenere grassi vegetali freddi e torte di noci di palma. Risolve molti problemi con il suo approccio al business dal punto di vista dell’economia circolare, ma il suo obiettivo principale è risolvere il problema della scarsità di combustibile per le popolazioni locali.

iGreengo (Italia)

iGreengo è una piattaforma per condividere e migliorare gli spazi verdi aperti e l’ambiente mentre si cerca di collaborare con i proprietari di questi spazi. iGreengo comprende le esigenze essenziali e individuali della natura e degli spazi verdi per il grande pubblico, offrendo qualcosa di unico, rimuovendo il caos generato dagli hotspot locali del turismo di massa. iGreengo propone un turismo esperienziale o emozionale dove i turisti possono immergersi in bellissimi luoghi esclusivi.

iNergy AgTech (Romania)

iNergy AgTech apporta i vantaggi della sostenibilità e della tecnologia innovativa a livello base, per produttori, città e comunità intelligenti, rendendo accessibile e disponibile cibo naturale e sano. Offre valore attraverso un approccio olistico di iNergy e il mix di prodotti, consentendo a tutti di prendere il controllo e rivitalizzare dalle colture e serre fino ad ogni tipo di spazio. Ciò significa più produttività per i coltivatori, più natura e cibo sano nelle aree urbane – tutti con meno input.

OBRI Tanzania (Tanzania)

Modellato dietro il concetto di imprese sociali cooperative, OBRI Tanzania è una società di lavorazione di oli alimentari che lavora con i coltivatori di girasole in Tanzania per produrre e fornire oli di cottura dal sapore africano di qualità a basso prezzo ai consumatori in Africa, conservando l’ambiente.

Oxyn (USA)

Oxyn è una infrastruttura blockchain e criptovaluta guidata da incentivi ambientali che possono essere utilizzati nella vita di tutti i giorni. Offre una tecnologia di blockchain veloce, sicura e a basso consumo energetico che consente di gestire i pagamenti tra aziende, consumatori consapevoli e organizzazioni ambientali.

Sintala Design (Spagna)

Sintala Design crea prodotti in legno massello senza tagliare alberi. L’azienda lavora con legno raccolto da alberi caduti, potature e resti di altri processi produttivi; Sintala Design ha dichiarato: “Le nostre finiture sono altamente ecologiche e rispettose dell’ambiente.”

Sommario
Green Start-Up: Le nuove Imprese verdi
Nome Articolo
Green Start-Up: Le nuove Imprese verdi
Descrizione
A Marzo, ECOSTAR ha selezionato la sua prima coorte di otto startup per partecipare al suo programma di accelerazione inaugurale a Padova questa estate. Le start-up riceveranno un finanziamento iniziale, un intenso programma di consulenza e formazione e l'accesso alla rete globale di investitori e mentori di ECOSTAR.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo