Vino in Belgio: il cambiamento climatico in agricoltura

Il Belgio amante della birra sta passando alla coltivazione del vino

Il cambiamento climatico sta avendo un impatto enorme sulla viticoltura europea, ma gli effetti non sono sempre negativi. L’industria belga è in crescita grazie al cambiamento dei modelli di temperatura.

L’aumento delle temperature sta incrementando il commercio del vino nelle regioni settentrionali d’Europa – la produzione è quadruplicata in Belgio dal 2006, secondo i dati del governo. La quantità di terra assegnata all’uva è aumentata ancora più velocemente.

Ma oltre al volume, c’è il gusto.

“Vent’anni fa avevamo vini che avevano il sapore di agrumi, limone e un po’ di pompelmo. Oggi abbiamo vini che sono più vicini ai prodotti esotici: litchi, ananas. Questa è una notevole evoluzione “, ha detto a Reuters Rigo, co-proprietario della cantina Domaine de Mellemont.

“Avevamo vini molto più leggeri 20 anni fa. Oggi abbiamo vini più grassi, con un finale più lungo e una persistenza molto più lunga “.

Dodici anni fa, i vigneti coprivano solo 72 ettari (0,28 miglia quadrate) del Belgio, un paese più noto per le sue birre, secondo i dati del ministero dell’economia belga.

L’anno scorso, quell’area si era espansa di quasi cinque volte per coprire 343 ettari – ancora minuscolo rispetto alla vicina Francia, ma un inizio.

Fa parte di un modello chiaro, secondo Wim Thiery, scienziato del clima presso l’università VUB di Bruxelles.

“Vediamo chiaramente un cambiamento in cui le regioni del Mediterraneo che sono attualmente adatte per la viticoltura non saranno più adeguate in futuro o molto meno idonee”, ha affermato.

“Invece, le regioni dell’Europa settentrionale come il Belgio diventeranno idonee in futuro per i vigneti e per la viticoltura.”

Ci sono aspetti negativi. Il cambiamento climatico ha generalmente reso il tempo più irregolare e questo può danneggiare le viti.

Ma la maggior parte dei cambiamenti è stata più graduale. La produzione è salita, i gusti si sono evoluti e i raccolti hanno maturato prima a Domaine de Mellemont, 40 km a sud-ovest di Bruxelles.

I lavoratori stagionali usualmente venivano chiamati per la raccolta di Ognissanti a causa della sua vicinanza al festival alla fine di ottobre.

“Quest’anno, stiamo pianificando di raccogliere le nostre uve e produrre il vino in Belgio verso la fine di settembre o all’inizio di ottobre”, afferma Rigo.

Quando si tratta dei cambiamenti che ha visto negli ultimi anni, è felice di concentrarsi sul positivo.

“Il vino belga è molto giovane. È ancora nella sua adolescenza quando si parla di varietà di uva, terroir. Nei prossimi anni, penso che scopriremo alcune cose davvero fantastiche. ”

Il cambiamento climatico quindi sta influenzato anche l’agricoltura, cambiandone le culture tipiche territoriali e alla lunga modificandone il territorio. Questi cambiamenti che possono essere positivi per alcuni aspetti come questo renderanno altre culture non idonee e creeranno molti squilibri a livello di ecosistema come sta già avvenendo in altri paesi del mondo.

Sommario
Vino in Belgio: il cambiamento climatico in agricoltura
Nome Articolo
Vino in Belgio: il cambiamento climatico in agricoltura
Descrizione
Il Belgio amante della birra sta passando alla coltivazione del vino. Il cambiamento climatico sta avendo un impatto enorme sulla viticoltura europea, ma gli effetti non sono sempre negativi. L'industria belga è in crescita grazie al cambiamento dei modelli di temperatura.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo