Indonesia: la plastica tra inquinamento e soluzioni

L’inquinamento da plastica in Indonesia

L’Indonesia produce più inquinamento marino da plastica di qualsiasi altro paese ad eccezione della Cina. Questo forse non sorprende: il più grande arcipelago del mondo è anche il quarto più popoloso del mondo. Reddito e flusso di cassa limitati significano che le comunità più povere fanno affidamento su materie plastiche monouso a basso prezzo come borse, tazze d’acqua e bustine di shampoo. I sistemi di gestione dei rifiuti sono rudimentali e ogni anno milioni di tonnellate di rifiuti finiscono nei corsi d’acqua e infine nell’oceano.

L’anno scorso l’Indonesia si è impegnata per un miliardo di dollari USA per tagliare i rifiuti marini del 70% entro il 2025. Il paese dovrà affrontare la questione su più fronti se si vuole raggiungere questo obiettivo ambizioso. Oltre a modificare le abitudini dei consumatori e migliorare l’infrastruttura di gestione dei rifiuti, l’industria deve abbandonare le materie plastiche monouso e introdurre aumentando rapidamente le alternative biodegradabili.

La soluzione: l’uso dell’alga marina per la produzione di plastica

È qui che entra in gioco l’alga marina. La produzione di alghe indonesiane è seconda solo alla Cina e aumenta di circa il 30% all’anno. L’Indonesia è anche il maggior produttore al mondo di alghe rosse, una varietà ideale per la creazione di bioplastiche e imballaggi.

Attualmente, la maggior parte delle bioplastiche derivano da fonti terrestri legate all’industria alimentare, tra cui mais, canna da zucchero e manioca. Tuttavia, secondo Bakti Berlyanto Sedayu, ricercatore del Ministero degli affari marittimi e della pesca indonesiani, le alghe sono un’alternativa molto più sostenibile.

Sedayu afferma che le bioplastiche terrestri richiedono ingenti investimenti in terra, rischiando il tipo di catastrofica deforestazione che stiamo vedendo con l’olio di palma. Usano anche fertilizzanti e pesticidi e non sono sempre biodegradabili come si pretende di essere.

Al contrario, le alghe marine sono economiche da produrre in quanto coltivate al largo, crescono rapidamente e non richiedono acqua dolce o sostanze chimiche per crescere con successo. I letti di alghe sono anche pozzi di carbonio naturali, acqua deacidificata.

Le condizioni in Indonesia sono ideali per l’allevamento di alghe – il sole splende più o meno tutto l’anno e ci sono più di 34.000 miglia di costa. E poiché la pressione sugli stock ittici continua ad aumentare, le popolazioni costiere si stanno rivolgendo all’acquacoltura come alternativa. Sedayu ritiene che potrebbero essere necessari solo cinque o dieci anni per portare la produzione di bioplastiche su scala industriale, anche se ciò richiederebbe un’attenta gestione.

Per ora, l’imballaggio a base di alghe è appena agli inizi. La start up indonesiana Evoware produce prodotti con alghe che sono anche commestibili, tra cui bicchieri di gelatina, bustine e confezioni di cibo. Ma sono prodotti a mano e sono disponibili solo per le aziende da campionare come parte della loro fase di test. Questo cambierà presto però secondo il fondatore e CEO David Christian.

“Ci aspettiamo di essere completamente automatizzati entro il prossimo anno”, spiega l’imprenditore ventitreenne. “Quando ciò accadrà, il nostro imballaggio commestibile costerà circa il 30% in più rispetto alle materie plastiche esistenti, che è competitivo”.

Evoware lavora anche direttamente con i coltivatori di alghe. Al momento, l’80% delle alghe viene trasformato al di fuori dell’Indonesia e le lunghe catene di approvvigionamento fanno sì che gli agricoltori vedano una piccola parte del profitto. “Insegniamo loro come far crescere alghe di alta qualità e lavarle correttamente, inoltre paghiamo il doppio del prezzo che otterrebbero normalmente”, afferma Christian.

Le aziende e i consumatori dovranno cambiare le loro pratiche se le confezioni a base di alghe e le bioplastiche avranno qualche speranza di diventare mainstream. Ci sono segni incoraggianti che ci sia una nascente volontà politica di creare questo cambiamento. All’inizio di questo mese, il governo indonesiano si è unito alle due maggiori organizzazioni islamiche del paese per incoraggiare i loro follower – più di 200 milioni di loro – a tagliare le materie plastiche monouso.

La produzione di bioplastica grazie alle start-up

I movimenti dei cittadini come la campagna Bye Bye Plastic Bags a Bali – un progetto locale guidato da scolari che è diventato globale – hanno contribuito a mettere sotto i riflettori la questione dello spreco di plastica. Negli ultimi tre anni, le celebrazioni annuali del Coral Triangle Day, che cadono il 09 giugno dopo la Giornata Mondiale dell’Oceano, hanno incluso un concorso sui social media per incoraggiare i consumatori a riconsiderare la loro relazione con la plastica monouso.

Dopo aver aderito alla campagna ONU Clean Seas, che ha come obiettivo la riduzione sia della produzione che del consumo di plastica monouso, il governo indonesiano dovrà ora sviluppare quadri giuridici a livello nazionale e regionale per fornire una base per nuove catene di approvvigionamento, un’efficace gestione dei rifiuti e impegno della comunità. Gli impegni devono ora essere sostenuti da un’azione concertata e concreta.

Sommario
Indonesia: la plastica tra inquinamento e soluzioni
Titolo Articolo
Indonesia: la plastica tra inquinamento e soluzioni
Descrizione
L'Indonesia produce più inquinamento marino da plastica di qualsiasi altro paese ad eccezione della Cina. La soluzione l'uso delle alghe marine per la produzione di bioplastiche. Una produzione sostenibile e all'avanguardia.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo