Riduzione delle immissioni nell’industria mineraria: una svolta green

Riduzione delle emissioni per l’estrazione mineraria: colpisci quando la Terra è ancora fredda

Le imprese coinvolte nell’estrazione e nel raffinamento delle risorse naturali si trovano in una posizione unica per beneficiare e soffrire della risposta della società ai cambiamenti climatici. Da un lato, la domanda globale di molti metalli e minerali è in aumento man mano che le nazioni in via di sviluppo si modernizzano rapidamente, la popolazione globale continua a crescere e alcune industrie, come quella dei veicoli elettrici, delle batterie e del solare fotovoltaico acquistano slancio. Le aziende minerarie giocheranno un ruolo fondamentale nella transizione energetica, fornendo le materie prime necessarie per far crescere queste nascenti industrie. I metalli che saranno probabilmente necessari per la transizione a basse emissioni di carbonio includono rame, argento, alluminio (bauxite), nichel, zinco, neodimio e indio.

D’altra parte, le compagnie minerarie sono vulnerabili sia alla pressione della società sia ai cambiamenti delle politiche. Tutte queste società hanno molto lavoro da fare se vogliono intraprendere un percorso di decarbonizzazione in linea con l’accordo di Parigi per limitare il riscaldamento globale a 2 gradi Celsius. Un recente rapporto di CDP mostra che nel 2015 metà delle emissioni mondiali di gas serra industriali possono essere ricondotte a sole 50 aziende (chiamate major del carbonio) che lavorano nel settore delle industrie pesanti e nei combustibili fossili (la relazione esamina le emissioni di ambito 1 e 3). Le società minerarie, in particolare quelle coinvolte nell’estrazione del carbone, si sono classificate in cima alla lista, prendendo due dei primi cinque posti e in totale di 20 punti. In effetti, anche tre società associate al Consiglio internazionale delle miniere e dei metalli (ICMM) – la “crème de la crème” quando si tratta di sforzi di sostenibilità nel settore – hanno fatto la lista. Pertanto, il raggiungimento dell’obiettivo dell’accordo di Parigi richiederà a queste società di ridurre significativamente la quantità di CO2 rilasciata e, in alcuni casi, i tipi di risorse che estraggono. Ad oggi, la tecnologia ha fornito all’industria mineraria incrementi di efficienza incrementali, ma saranno necessarie drastiche riduzioni aggiuntive delle emissioni per soddisfare sia i requisiti normativi sia le pressioni sociali.

Strategie di riduzione delle emissioni

Da dove vengono queste riduzioni? Le società minerarie hanno una vasta gamma di opzioni tra cui scegliere quando si pianificano riduzioni delle emissioni operative, tra cui l’utilizzo di nuove tecnologie e innovazioni per aggiungere fonti di energia rinnovabili, migliorare i processi minerari, passare dai combustibili fossili ai carburanti rinnovabili, ridurre gli sprechi e ottimizzare i trasporti. Le società minerarie devono valutare internamente queste opzioni e scegliere l’approccio più vantaggioso economicamente per le loro circostanze uniche, ma ogni piano deve avere un obiettivo appropriato e una divulgazione pubblica dei progressi.

Corporate Governance e informazioni finanziarie

Oltre ai miglioramenti tecnologici e operativi sopra menzionati, le società minerarie che desiderano prosperare nella nuova transizione energetica farebbero bene a ricercare e ad utilizzare le migliori pratiche di governo societario dei loro pari, sia all’interno che all’esterno dell’industria mineraria. Innanzitutto, le imprese devono pianificare i rischi fisici derivanti dalla nuova normalità di un mondo in cui il clima cambia. Ad esempio, hanno bisogno di pianificare risorse idriche stressate e percorsi di filiera danneggiati a causa di disastri naturali più frequenti e più estremi. Devono identificare le aree vulnerabili nelle loro strategie commerciali e quindi capire come renderle più elastiche possibile. Dovrebbero aspettarsi che questa esigenza sia messa in risalto dagli investitori che vogliono assicurazioni che i loro investimenti siano sicuri e che le imprese siano preparate.

Tuttavia, le aziende non possono considerare solo i rischi fisici; hanno bisogno di pianificare anche i rischi finanziari e le opportunità che si presentano con un mondo in cui il clima cambia. I cambiamenti climatici introducono rischi economici attraverso cambiamenti nella politica (ad es. Prezzi del carbonio), cambiamenti dei prezzi delle risorse o cambiamenti della domanda di prodotti e servizi (ad es. Nuove tecnologie di transizione energetica). La Task Force guidata dal settore privato sull’informativa finanziaria legata al clima (TCFD) raccomanda alle società di divulgare volontariamente e coerentemente i rischi finanziari legati al clima a investitori, istituti di credito, assicuratori e altre parti interessate. Diverse società minerarie, tra cui quattro membri dell’ICMM, Barrick Gold, BHP, Glencore e Vale, sono già firmatari delle raccomandazioni della TCFD.

Obiettivi basati sulla scienza

Tuttavia, rivelare il rischio climatico è solo il primo passo. Le imprese devono anche stabilire obiettivi e agire per mitigare questo rischio. Non è più sufficiente fissare obiettivi incrementali focalizzati su frutti a basso impatto. L’iniziativa Science Based Targets (SBTi), un’iniziativa congiunta di CDP, World Resources Institute (WRI), World Wide Fund for Nature (WWF) e United Nations Global Compact (UNGC), incoraggia le imprese a fissare un’ambiziosa riduzione delle emissioni obiettivi “in linea con il livello di decarbonizzazione richiesto per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 2 gradi Celsius rispetto alle temperature preindustriali, come descritto nella Quinta relazione di valutazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC AR5).”

Ad oggi, oltre 120 aziende hanno fissato obiettivi di riduzione delle emissioni approvati da SBTi in linea con la scienza del clima e gli obiettivi dell’accordo di Parigi, e altre 320 aziende si sono impegnate a seguirne l’esempio. Sfortunatamente, nessuna compagnia mineraria ha ancora un obiettivo approvato da SBTi. Ciò è probabilmente dovuto alle sfide relative alle emissioni dello scope 3 e alla metodologia alla base dei vari approcci di impostazione degli obiettivi approvati da SBTi.

Concretizzare un sentiero per la decarbonizzazione

L’industria mineraria sta iniziando a riconoscere l’urgenza dei cambiamenti climatici, ma è necessaria un’azione più drammatica. Le aziende che desiderano sviluppare obiettivi e soluzioni per le emissioni hanno accesso a quadri, standard e risorse per assisterli. Ma spetta alle aziende stesse utilizzare e migliorare queste risorse se vogliamo evitare una traiettoria business-as-usual, che mostra un aumento della temperatura globale che probabilmente raggiungerà i 3,4 ° C entro il 2100.

Tuttavia, se un percorso di decarbonizzazione per l’industria mineraria (o forse anche dei sottosettori dell’industria) ha successo, deve essere mappato insieme all’industria stessa. La cocreazione di questo percorso è certamente il prossimo passo logico. Dovrebbe includere la fissazione di obiettivi di riduzione delle emissioni in linea con le scienze del clima; seguire i progressi in modo rigoroso, coerente e pubblico; valutare i rischi e le opportunità climatici a lungo termine; e attivamente alla ricerca e allo sviluppo di tecnologie e strategie per ridurre le emissioni di carbonio, utilizzando le idee di cui sopra come punto di partenza. È giunto il momento di andare oltre la leadership del pensiero all’attuazione. E non sbagliare: i vincitori e i perdenti nel settore minerario, come in altri settori, saranno determinati dal modo in cui le aziende si preparano ora.

Sommario
Riduzione delle immissioni nell'industria mineraria: una volta green
Nome Articolo
Riduzione delle immissioni nell'industria mineraria: una volta green
Descrizione
Riduzione delle emissioni per l'estrazione mineraria: una svolta green. L'industria mineraria si sta rendendo sostenibile grazie a una rivoluzione verde
Autore
Editore
Home Green Home
Logo