Cemento a emissioni 0

Ricercatori svizzeri tracciano un percorso verso il cemento a emissioni zero

Il settore delle costruzioni può ridurre le emissioni inquinanti fino all’80% applicando misure di efficienza lungo l’intera catena del valore, secondo una nuova ricerca. Se combinate con la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), le emissioni potrebbero persino essere portate a zero entro il 2050, sostengono.

Raggiungere la neutralità del carbonio nel settore del cemento e del calcestruzzo non sarà facile ma è tecnologicamente fattibile e può essere raggiunto con investimenti adeguati, secondo i ricercatori dell’Istituto federale svizzero di tecnologia (ETH di Zurigo) e dell’Ecole Polytechnique de Lausanne (EPFL).

Se applicati all’intera catena del valore della costruzione, metodi di produzione più efficienti possono mettere il settore in linea con l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, che impegna i firmatari a mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 ° C” e puntando a 1,5 ° C.

Cemento e calcestruzzo sono utilizzati in tutti i tipi di costruzione – case, scuole, strade o ponti – costituiscono oltre la metà di tutti i materiali utilizzati a livello globale. Se il settore europeo del cemento fosse un paese, emetterebbe tanto CO2 quanto il Belgio, secondo lo studio, commissionato dalla European Climate Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro.

Una sfida particolare per il settore delle costruzioni è che meno del 40% delle emissioni proviene dall’energia utilizzata per produrre cemento. Il resto – circa il 60% – deriva dalla decomposizione chimica del calcare, un processo che richiede grandi quantità di calore che continuerà ad emettere CO2 anche se le fabbriche di cemento dispiegheranno energie rinnovabili al 100% della capacità.

 

Riduzione dell’80% di CO2, con le tecnologie esistenti

La buona notizia è che tali emissioni possono essere ridotte in modo significativo utilizzando la tecnologia esistente, hanno rilevato i ricercatori svizzeri.

“Dimostriamo che considerando tutte le fasi della catena del valore, le riduzioni fino all’80% delle emissioni di CO2 rispetto ai valori del 1990 sono ottenibili entro il 2050 senza utilizzare tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio”, afferma il rapporto, pubblicato mercoledì 31 ottobre).

“Questi risparmi di CO2 potrebbero essere conseguiti per un costo finanziario relativamente basso e persino con risparmi finanziari in alcuni casi”, sostengono. E se si applica la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS), le emissioni possono persino ridursi a zero.

Ma raggiungere riduzioni così profonde delle emissioni inquinanti richiederà che i diversi attori nella catena del valore della costruzione lavorino insieme, gli autori mettono in guardia, dicendo che dovrebbero essere adottate misure per incoraggiare la cooperazione tra di loro.

“Un messaggio importante comunicato in questo rapporto è mostrare che gli sforzi di riduzione devono essere supportati lungo l’intera catena del valore e non da un singolo stakeholder”, affermano gli autori in una prefazione al report.

“Per raggiungere zero emissioni sarà necessaria la cattura e lo stoccaggio del carbonio”, ha affermato Karen Scrivener, responsabile del laboratorio di materiali da costruzione presso l’Istituto federale di tecnologia (EPFL) di Losanna.

“Tuttavia, dati i costi e la complessità di CCS, è importante ridurre le emissioni di CO2 al minimo con altri mezzi”, ha aggiunto, affermando che questo è il modo migliore di raggiungere l’intera catena del valore – “non solo a livello di cemento, ma anche a livello di cemento e struttura “.

 

Per un cemento a emissioni 0 è richiesto un approccio collaborativo

Il rapporto identifica 10 tecnologie che possono essere implementate in diverse fasi della catena del valore della costruzione, dalla produzione di cemento e ghiaia, agli uffici di ingegneria, alle imprese di costruzione e demolizione. Tutti si basano su tecnologie comprovate che possono essere implementate rapidamente e in modo massiccio nella pratica, dicono i ricercatori svizzeri.

Koen Coppenholle, Chief Executive di CemBureau, l’associazione europea dei produttori di cemento, ha accolto con favore le conclusioni del rapporto, sottolineando “la necessità di un approccio collaborativo” che si concentra su “come le prestazioni del ciclo di vita possono essere implementate in modo ampio consentendo di accelerare i risultati”.

“In un approccio a catena del valore completo, è essenziale sviluppare percorsi e tecnologie in ogni fase della catena del valore per raggiungere realisticamente obiettivi a lungo termine”, ha affermato Coppenholle.

C’è ancora molto da fare, comunque. In un recente rapporto, le aziende europee del settore del cemento sono state individuate tra le peggiori performance ambientali a livello globale e sembrano essere in ritardo rispetto ai produttori di cemento indiani quando si tratta di innovazione nelle tecnologie a basse emissioni di carbonio.

Il rapporto, del gruppo di pressione CDP, ha anche criticato il “lobbismo in corso dei responsabili politici” del settore volto a minare le politiche climatiche dell’UE come il sistema di scambio delle emissioni per le quote di biossido di carbonio.

Sommario
Cemento ad emissioni 0
Titolo Articolo
Cemento ad emissioni 0
Descrizione
Il settore delle costruzioni può ridurre le emissioni inquinanti fino all'80% applicando misure di efficienza lungo l'intera catena del valore, secondo una nuova ricerca. Se combinate con la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), le emissioni potrebbero persino essere portate a zero entro il 2050, sostengono.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo