I leader del domani per salvare la Terra

I leader di domani per il clima

Giovani attivisti sociali e leader studenteschi e delle no profit stanno contribuendo ad accelerare la transizione energetica da zero.

Di fronte al crescente cambiamento climatico e a ciò che molti considerano insufficienti azioni concrete, i giovani di tutto il mondo si stanno facendo avanti per prendere una posizione e fare la differenza. Centinaia di migliaia di studenti delle scuole elementari, medie e superiori di oltre 100 paesi hanno recentemente abbandonato le loro classi per partecipare a scioperi scolastici contro l’inazione sui cambiamenti climatici. Gli studenti universitari chiedono più corsi e programmi sulle energie rinnovabili e sulla sostenibilità. Gli imprenditori millenials stanno avviando aziende per affrontare i cambiamenti climatici in modi innovativi. Tutti questi giovani hanno una cosa in comune: si rendono conto che il loro futuro dipende da questo.

LA GENERAZIONE Z ESCE ALLO SCOPERTO E SI MOVIMENTA

Gli scioperanti degli studenti stanno seguendo l’esempio della sedicenne Greta Thunberg dalla Svezia, che ha tenuto un discorso ai politici alla COP24 in Polonia. “Dici di amare i tuoi figli sopra ogni altra cosa”, ha detto Greta, “eppure rubi il loro futuro davanti ai loro occhi.” Ogni venerdì negli ultimi mesi è stata in sciopero da scuola come atto di protesta.

Altri studenti stanno prendendo misure come sollecitare i loro presidi a installare sistemi elettrici solari sui loro edifici scolastici e raccogliere fondi per le organizzazioni ambientaliste. Gli studenti della Severna Park Middle School nel Maryland hanno effettivamente raccolto fondi per la RMI attraverso il loro club delle Nazioni Unite (ONU). Ogni anno il club affronta un problema globale e nel 2018 è stato lo sviluppo di fonti di energia responsabili per l’ambiente. I bambini, di età compresa tra 11 e 13 anni, hanno il compito di promuovere il problema e raccogliere fondi per un’organizzazione attraverso una sfida di beneficenza. Decisero di fabbricare mulini a vento a matita usando copertine del National Geographic riciclate e venderle all’ora di pranzo e al festival della Giornata della Terra della scuola.

I bambini della Severna Park hanno vinto il premio per aver raccolto più soldi di tutte le scuole della contea. Secondo il capo del club delle Nazioni Unite modello, l’insegnante Christine Torelli, “Questi sono bambini intrinsecamente motivati, hanno un’idea del quadro generale. E attraverso il processo di raccolta di denaro, hanno capito che le loro azioni sono importanti.” Camille, 12 anni, una studente del settimo anno di scuola elementare nel club, crede:” Dovremmo prenderci cura di noi ed essere responsabili del nostro ambiente, del mondo e degli animali fantastici che vi abitano altrimenti scompariranno. Dovremmo lavorare con organizzazioni come il Rocky Mountain Institute e difendere l’ambiente perché rimanga pulito.” I bambini dovrebbero preoccuparsi dell’ambiente poiché siamo il futuro “, ha aggiunto Juliana, 14 anni, una terza media del club. “Dobbiamo insegnare alle generazioni future a sostenere e prendersi cura adeguatamente della salute della terra.”

Un altro giovane donatore è Eric Konheim. Eric era un appassionato atleta, riciclatore e anticonformista che viveva la vita fedele alle sue convinzioni ambientaliste. Visse in modo frugale, risparmiando denaro in modo da poter trascorrere del tempo sui fiumi che amava. Quando è morto tragicamente in un incidente in kayak all’età di 28 anni nel 1991, la sua famiglia ha scoperto decine di migliaia di dollari nascosti nel suo cuscino. Quei fondi, aveva scritto per testamento, dovevano essere lasciati in eredità alla RMI. Dopo la morte di Eric, suo padre, Bud Konheim, ha creato il Eric Konheim Memorial Fund come memoriale per suo figlio. Il fondo, che continua oggi, sostiene il lavoro RMI di cui Eric era così appassionato finanziando stage.

Bambini e giovani di tutto il mondo stanno facendo la differenza in altri modi stimolanti. Bodhi Yang, il figlio dodicenne di Ginny Yang, Responsabile dell’operazione di sviluppo della RMI, è uno sciatore campione di Aspen, in Colorado, appassionato di cambiamenti climatici. Di recente ha prodotto un cortometraggio per il suo progetto di prima media incentrato sull’amore per lo sci e la paura dei cambiamenti climatici e sui suoi amici e su quanto sia importante agire. “Dato che amo davvero il nostro pianeta, in particolare la neve e lo sci, volevo fare un breve film sullo sci con i bambini che parlavano di come cambierà il nostro futuro e non dovrebbero esserci adulti che decidono di buttarlo nella spazzatura. Dobbiamo cercare di combatterlo “, afferma Bodhi. Il film ha vinto il premio generale e il pubblico in un festival locale di cortometraggi.

I MILLENNIAL POSSONO FARE LA DIFFERENZA

Mentre per Bodhi potrebbe passare ancora qualche anno per far parte di qualche organizzazione e iniziare a lavoro, molti altri giovani si stanno unendo ai ranghi di organizzazioni ambientaliste e di difesa della natura. Ogni estate un gruppo di stagisti provenienti da college e scuole di specializzazione in tutto il paese viene a RMI per lavorare su progetti diversi come l’elettrificazione dei veicoli, le case a energia netta zero e i minigrid elettriche nel continente africano. Abbiamo avuto centinaia di stagisti negli ultimi tre decenni.

Uno dei nostri tirocinanti più recenti, Grant Glazer, 24 anni, si è unito a noi nel 2018 da Stanford, dove stava perseguendo un master in ingegneria ambientale. Grant ha collaborato con il team dell’elettricità aiutando a sviluppare un modello per creare portafogli di energia pulita in grado di sostituire gli impianti di gas naturale proposti. La difesa dell’ambiente di Grant è iniziata giovane. “Da bambino i miei genitori mi hanno insegnato a lasciare sempre un posto più pulito di quello che ho trovato, che sia una stanza o un’area picnic”, dice. “Molto presto nella mia vita mi sono reso conto che non era quello che stava accadendo, e che io e altri come me che consumano un sacco di energia hanno grandi impronte di carbonio, quasi certamente lasciare il mondo più sporco e peggio di quanto abbiamo trovato.”

Grant fece domanda per una borsa di studio Schneider a Stanford, che prende il nome da Stephen H. Schneider, uno dei primi scienziati del clima a sottolineare l’importanza degli scienziati che raccontano al mondo i cambiamenti climatici e producono soluzioni. Diventare un borsista di Schneider significava che Grant poteva fare uno stage presso un’importante organizzazione statunitense per l’energia sostenibile. Dice: “Ho scelto di trascorrere il mio tempo in RMI perché è una piccola organizzazione che affronta grandi problemi e adotta un approccio orientato in modo dettagliato per indirizzare i punti di attacco esatti per ridurre le emissioni di carbonio e sbloccare un futuro di energia pulita”. Grant è ora un associato RMI e lavora sia sulla riduzione delle emissioni di carbonio degli impianti di gas naturale, sia sull’aiutare le comunità a diventare più resistenti alle minaccie di incendi. “L’opportunità che ho crescere professionalmente in un lavoro che cerca di lasciare il mondo più pulito di quello che è ora è un incredibile onore”, afferma.

Zihe Meng, 28 anni, è stata un’altra stagista della RMI, unendosi a noi nell’estate del 2014 mentre stava perseguendo il suo master in ingegneria gestionale alla Duke University. Si è sempre interessata alle automobili e ha fatto due stage nell’industria automobilistica mentre si è laureata in Cina. Ha colto al volo l’opportunità di lavorare su problemi di trasporto in Cina presso RMI. Durante il suo tirocinio presso RMI, Zihe ha lavorato alla nostra iniziativa Reinventing Fire: China, aiutando la Cina ad adottare standard più rigorosi per i carburanti per i veicoli. “Ammiro molto l’approccio olistico di RMI”, dice Zihe, descrivendo come ha imparato molto su altre questioni energetiche durante il suo tirocinio. “Anche se facevo parte del team dei trasporti, ho lavorato con persone di altri team che guardavano all’efficienza energetica e alle energie rinnovabili da più punti di vista.” È entrata a far parte dello staff RMI nel 2015 e ora lavora nel team Energia sostenibile per lo sviluppo economico, contribuendo a promuovere i minigrid in Africa. Zihe afferma di amare lavorare sull’implementazione e sul lato pilota del progetto. “Stiamo davvero cambiando la vita delle persone e migliorando le loro condizioni di vita. Aiutiamo anche i paesi a iniziare le cose nel modo giusto adottando le energie rinnovabili fin dall’inizio, invece di dover ritirare le centrali a carbone “, afferma. “È importante che la mia generazione sia coinvolta”, aggiunge, “perché prima comprendiamo e comprendiamo appieno le conseguenze dei cambiamenti climatici e iniziamo ad agire, più possiamo essere efficaci”.

Coloro che credono agli stereotipi come che i millennial siano pigri ed egocentrici non hanno ovviamente incontrato gli stagisti della RMI e altri giovani impiegati, che stanno avendo un grande impatto sul mondo. In effetti, due membri dello staff RMI sono stati elencati nella categoria Energia dell’elenco annuale Forbes 30 Under 30, che racconta ciò che Forbes definisce “gli imprenditori più sfacciati negli Stati Uniti e in Canada”. Proprio quest’anno, Ryan Laemel, 27 anni, manager nel programma India di RMI, è nella lista. Ryan è a capo del laboratorio di mobilità urbana di RMI e si concentra sulla collaborazione con la città indiana di Pune per implementare soluzioni per la gestione del traffico, il trasporto pubblico e la mobilità elettrica. Prima di entrare in RMI, Ryan era a Yale, dove ha creato il primo programma interno di tariffazione del carbonio basato sull’università. Egli ritiene che “in quanto eredi della nostra società e del mondo naturale, i giovani hanno la responsabilità di svolgere un ruolo centrale nell’azione per l’energia e il clima”. Ryan ritiene inoltre che i giovani abbiano qualcosa di unico da portare alla sfida. “Essendo cresciuti in un’era di rapidi progressi nella politica, nella tecnologia e nei modelli di business, i giovani possono offrire una nuova prospettiva all’azione energetica e climatica di oggi”, afferma.

E nel 2016, Mark Silberg, 27 anni, il primo Lab Network Manager e attuale associato di RMI è anche lui nella lista Forbes 30 Under 30. Oltre a guidare un impegno esterno per e-Lab, Mark è stato il principale associato nella pianificazione a lungo termine del sistema energetico e del supporto normativo per i principali responsabili delle decisioni a Puerto Rico dopo gli uragani Irma e Maria. Attualmente sta lavorando ad iniziative RMI relative alla costruzione della rete elettrica e alla sua resilienza energetica. Inoltre è il fondatore di Spark Clean Energy, un’organizzazione no profit che ha ricevuto finanziamenti dal Dipartimento dell’Energia per sostenere le start-up cleantech delle università. Secondo Mark, “Il cambiamento climatico è una rara razza di problemi complessi: richiede approcci tecnologici, economici, politici e di policyi, oltre a una consapevolezza delle questioni sociali, economiche e morali. Potremmo essere mangiatori di toast all’avocado, distruttori del sistema dei grandi magazzini e dei centri commerciali, millennial in debito con il college, ma siamo anche la generazione più connessa e cosciente a livello globale della storia, e non c’è problema migliore da risolvere di quello che richiede il cambiamento dell’intero sistema dell’energia e dell’economia a livello globale e mondiale. “

IL MONDO ACCADEMICO SI DEVE ATTIVARE

RMI sta anche aiutando gli altri giovani a conoscere i problemi e apportare cambiamenti. Dal 2011, RMI ha contribuito a organizzare un vertice ambientale nazionale annuale per gli studenti delle scuole superiori di tutti gli Stati Uniti. Tenutosi al Catawba College nella Carolina del Nord ogni estate, il summit aiuta gli studenti a esplorare come possono usare i loro interessi e talenti per affrontare le sfide ambientali odierne e fare la differenza nel mondo. Secondo il direttore della RMI Robert McIntosh, 34 anni, che ha presentato il vertice per tre anni, gli studenti sono super interessati. “I cambiamenti climatici saranno la questione cruciale dei prossimi 50 anni, della loro vita produttiva. Potrebbero riorganizzare le sedie a sdraio sul Titanic, oppure potrebbero impedirne la caduta “, afferma Robert. “Fortunatamente, vogliono essere coinvolti, vogliono sapere come abbiamo affrontato questi problemi nelle generazioni passate. Vogliono sapere cosa stiamo facendo là fuori praticamente nel mondo e come possono fare carriera aiutando a risolvere questo problema “.

Abbiamo anche lavorato con la Stanford University tenendo un corso annuale di una settimana sul design integrativo e sull’estrema efficienza energetica. I 30-40 studenti vengono al Centro di innovazione di RMI a Basalt, in Colorado, durante le vacanze di primavera per imparare e esercitarsi su come aumentare l’efficienza attraverso la progettazione di sistemi interi nei settori dell’edilizia, della mobilità, industriale ed elettrica. Gli studenti sono un mix di studenti laureati e universitari, e non tutti studiano ingegneria, provengono da diverse discipline. Avery McEvoy, 24 anni, ha preso parte alla classe nel 2018 come studente di master in ingegneria dell’atmosfera / energia. È tornata nel 2019 come assistente di insegnamento per il corso. “Quando sono arrivato a Stanford per la prima volta, non avevo sentito parlare di RMI perché non ero ancora ne settore energetico”, afferma Avery. “Ma il mio primo corso di energia ha citato molte opere di RMI e Amory. Quindi, quando è arrivata l’opportunità di imparare molto sull’energia in un modo molto intenso, ho pensato che sarebbe stato un ottimo modo per trascorrere le vacanze di primavera.”

Pur non essendo la classica pausa primaverile, le esperienze di apprendimento come queste stanno diventando più popolari. In effetti, la classe di Stanford era così popolare quest’anno che l’università ha dovuto allontanare gli studenti. “C’è stata una retorica accresciuta e la consapevolezza che il cambiamento climatico è reale e sta accadendo, quindi penso che più persone della mia generazione vogliano fare qualcosa al riguardo”, afferma Avery. “Classi come queste sono importanti perché conoscendo il tipo di futuro in cui stiamo andando, tutti devono avere una sorta di alfabetizzazione energetica.”

“Conoscendo il tipo di futuro in cui stiamo andando, tutti devono avere una sorta di alfabetizzazione energetica.”

Vivan Malkani, 21 anni, un altro studente di Stanford, è cresciuto a Mumbai e ha visto molte disuguaglianze sociali da bambino. È diventato un grande esperto di scienze politiche perché ha visto la politica come il modo migliore per fornire un cambiamento. Ora sta conseguendo una laurea in scienze gestionali e ingegneria e ha aderito al corso RMI perché ritiene che la progettazione di sistemi integrati abbia molto da offrire in approcci alla risoluzione dei problemi che vanno oltre l’ingegneria. “Ho iniziato a lavorare su questioni sociali da un punto di vista politico. Ma ho riconosciuto l’incredibile impatto che i cambiamenti climatici avrebbero avuto e come ci stavamo preparando per il disastro”, afferma Vivan. “Così ho iniziato a lavorare su questioni energetiche, perché mi sono reso conto che persone di diverse discipline devono lavorare insieme su questo. Il design integrato ti mette in dubbio come è arrivato il nostro sistema e cosa dobbiamo cambiare per andare avanti. “

LA GENERAZIONE DEL CLIMA

Dagli scioperi scolastici alle start-up innovative, i giovani stanno aprendo la strada ai cambiamenti climatici. Greta Thunberg potrebbe aver iniziato un movimento, ma non è sola. Scolari, adolescenti e millennial in tutto il mondo stanno sfidando gli attuali responsabili delle decisioni ad agire e, quando tale azione non è sufficiente, si stanno educando e facendo passi coraggiosi da soli. Si rendono conto che il futuro è nelle loro mani e non sistemeranno semplicemente le sedie a sdraio, impediranno alla nave di scendere.

Sommario
I leader del domani per salvare la Terra
Titolo Articolo
I leader del domani per salvare la Terra
Descrizione
I leader del clima sono giovani che vedendo il pericolo si stanno attivando per salvare il nostro pianeta Terra. Perché non esiste un pianeta B.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo