Elettrificazione e Biogas

La falsa promessa di “gas naturale rinnovabile”

Non è un sostituto per passare all’elettricità pulita.

Per rimanere in linea con gli obiettivi stabiliti nell’accordo sul clima di Parigi, gli Stati Uniti devono raggiungere emissioni di carbonio nette pari a zero entro il 2050, note come “profonda decarbonizzazione”. Praticamente ogni studio credibile sulla decarbonizzazione profonda concorda sulle basi di una strategia per arrivarci.

Il cuore della strategia è ripulire la rete elettrica, che attualmente è responsabile del 28% delle emissioni di gas serra (GHG) negli Stati Uniti. Deve essere rapidamente trasferito a fonti a zero emissioni di carbonio come fonti rinnovabili, idroelettrica e bioenergia.

Allo stesso tempo, due delle maggiori fonti di GHG, i trasporti e gli edifici, devono passare per funzionare con quell’energia a zero emissioni di carbonio. Il sistema di trasporto (29 percento delle emissioni statunitensi) è quasi interamente alimentato a benzina e diesel; deve passare ai veicoli elettrici per quanto possibile. E gli edifici (anche questo il 29 percento delle emissioni statunitensi) sono ora frequentemente riscaldati e raffreddati dal petrolio o, più comunemente, dal gas naturale; devono passare al riscaldamento e al raffreddamento elettrici per quanto possibile.

Questa strategia – per la quale utilizziamo il motto “elettrificare tutto!” – sta iniziando a prendere piede, soprattutto in California ma anche in Africa, che è sempre una sorta di anteprima delle tendenze più ampie a venire. In un arco di tempo relativamente breve, è emerso un robusto “movimento completamente elettrico”, mentre decine di città si muovono per incoraggiare la costruzione di nuovi edifici che funzionano solo ad energia elettrica.

Le utility del gas naturale non apprezzano un po’ questo movimento. Più edifici sono completamente elettrici, meno sono i contribuenti al gas naturale. Un futuro completamente elettrico comporta inevitabilmente l’obsolescenza, o almeno la riduzione sostanziale, delle utenze del gas naturale. Naturalmente, stanno reagendo furiosamente, con gruppi di astroturf, campagne di pubbliche relazioni e attività di lobby a livello locale.

Il loro argomento principale – che si manifesta con particolare intensità in California – ha a che fare con “gas naturale rinnovabile” (RNG), un termine industriale per metano catturato da rifiuti biogenici (organici) in discariche, operazioni di allevamento, fattorie e impianti di trattamento delle acque reflue. (A volte viene chiamato “biogas” o “biometano”.)

Il Biogas può, a seconda della materia prima e delle circostanze, essere basso o addirittura zero-carbonio.

Programmi di utilità come SoCalGas sostengono che accelerare la produzione di biogas e mescolarlo con il normale gas naturale nelle condotte può ridurre i gas a effetto serra più velocemente ed economicamente rispetto all’elettrificazione degli edifici. Secondo la portavoce della Southern California Gas Company Christine Detz, “Un numero crescente di esperti e nazioni industrializzate riconosce la necessità di includere gas rinnovabili come parte di un mix energetico sostenibile”.

Perseguendo l’elettrificazione, dicono, i regolatori stanno spingendo aumenti inutili dei costi sui consumatori.

Sarebbe bello per le utility se questo fosse vero. Ma non lo è. Il Biogas non è a basse emissioni di carbonio come sostiene l’industria e i suoi impatti locali di aria e acqua sono concentrati in comunità vulnerabili. Anche se era a basse emissioni di carbonio ed equo, semplicemente non ce n’è abbastanza per sostituire più di una piccola frazione di gas naturale. E anche se fosse a basse emissioni di carbonio, equo e abbondante, non sarebbe comunque una scusa per espandere le infrastrutture del gas naturale o rallentare l’elettrificazione.

Non è una chiamata ravvicinata. La ricerca è chiara: specialmente in un clima temperato come la California, il biogas non è una valida alternativa per la decarbonizzazione degli edifici. È un’offerta disperata da parte delle utility del gas naturale per ritardare il loro inevitabile declino. I politici sarebbero sciocchi a innamorarsene.

Questa è la versione breve. Ora diamo un’occhiata a come si sta svolgendo la battaglia, con un’enfasi sulla California, che è uno dei principali stati degli Stati Uniti d’America che consuma gas naturale del mondo – e uno stato con l’obiettivo di andare a zero emissioni entro il 2050.

L’elettrificazione sta guadagnando un forte slancio in California

Il coro di esperti che sostiene l’elettrificazione si sta facendo sempre più forte.

L’efficienza energetica e l’elettrificazione sono raccomandate per il settore dell’edilizia nella Strategia Mid-Century per la decarbonizzazione profonda degli Stati Uniti, sviluppata sotto l’amministrazione Obama. Sono raccomandati durante tutto il lavoro del Deep Decarbonization Pathways Project (DDPP) in vari paesi, compresi gli Stati Uniti. (Il DDPP ha anche fatto un’analisi dei percorsi per lo stato di Washington, a richiesta del governatore Jay Inslee e contiene gli stessi consigli.)

La California Energy Commission (CEC) ha redatto un rapporto sulla profonda decarbonizzazione e un ampio rapporto (recentemente aggiornato) sul futuro della rete di gas naturale dello stato. In entrambi i rapporti, scopre che l’elettrificazione è l’opzione più economica per la decarbonizzazione degli edifici.

In risposta a questi studi, 26 città della California hanno approvato un’ordinanza che elimina gradualmente il gas naturale nella costruzione di nuovi edifici o ha aggiornato i codici di costruzione per incoraggiare la costruzione completamente elettrica. Dozzine di altre città dovrebbero seguire l’esempio quest’anno. In tutto lo stato, i costruttori e gli sviluppatori immobiliari sono sottoposti a pressioni da parte dei loro investitori in merito al “rischio di carbonio”, la possibilità di costruire risorse dipendenti dai combustibili fossili che non saranno in grado di trovare acquirenti.

Forse in modo più significativo, a gennaio, la California Public Utilities Commission (CPUC) ha annunciato un nuovo procedimento per iniziare il processo di eliminazione da parte dello stato dell gas naturale, inclusa la considerazione di una giusta transizione per evitare problemi di sicurezza e costi incagliati.

Le utility del gas naturale stanno andando fuori di testa e sono in difficoltà

Tutto questo slancio ha completamente sconvolto ad esempio la Southern California Gas Company, la più grande utility di gas degli Stati Uniti d’America, che serve 5,7 milioni di clienti nella California meridionale e centrale. SoCalGas realizza più entrate annuali di qualsiasi altra utility della nazione e dei suoi 2,9 miliardi di dollari di entrate nel 2018, 2,25 miliardi di dollari, quasi l’80%, provengono da clienti residenziali. L’edilizia residenziale completamente elettrica la distruggerebbe facendola fallire.

I servizi pubblici di monopolio del gas naturale funzionano allo stesso modo dei servizi pubblici di monopolio dell’elettricità. Non fanno soldi con la vendita di gas. Piuttosto, applicano un tasso per il gas destinato a coprire i loro costi, i costi di nuovi investimenti nelle infrastrutture del gas naturale e un sano tasso fisso di rendimento di tali investimenti. In altre parole, fanno profitti costruendo cose. Naturalmente, vogliono continuare a costruire.

Ma ciò che stanno affrontando è una costante perdita di domanda, poiché sempre più clienti optano per il sistema di gas naturale a favore della rete elettrica. Ciò lascerà sempre meno clienti a pagare tariffe sempre più elevate solo per mantenere l’infrastruttura delle tubature esistenti, lasciando poco spazio per nuovi investimenti.

Questo è un disastro in vista per SoCalGas e il suo proprietario, Sempra Energy. Qualche anno fa è nata una nuova organizzazione no profit: Californians for Balanced Energy Solutions (C4Bes). Ha iniziato a pubblicare annunci contro un ritiro graduale del gas naturale e facendo pressioni sui legislatori locali in tutto lo stato, usando messaggi apocalittici sui costi per i consumatori, reclutando firmatari locali per petizioni contro l’elettrificazione. Nel marzo 2017, ha avuto la faccia tosta sfrenata per chiedere al CPUC di renderlo parte ufficiale nel procedimento relativo al futuro del gas naturale nello stato.

Ciò ha spinto il Sierra Club a sottolineare, in una contestazione al CPUC (pieno di documenti di supporto e e-mail trapelate), che C4Bes è un gruppo in realtà di green washing, uno sforzo di lobbying mascherato da non profit. È una creazione di SoCalGas, utilizzando punti di discussione scritti da SoCalGas per organizzare l’opposizione agli sforzi municipali che avrebbero un impatto negativo su SoCalGas. Non dovrebbe presentarsi come parte indipendente in un procedimento regolamentare.

Alla fine, dopo mesi di parate e ritardi nei regolatori, piuttosto che affrontare la scoperta, che avrebbe aperto i suoi libri contabili, C4Bes ha scelto a gennaio 2019 di ritirarsi dal procedimento. Nel maggio 2019, il Public Advocates Office, organizzazione dei consumatori all’interno del CPUC, ha stabilito che SoCalGas stava usando tattiche squallide, tra cui, riferisce KQED, “mentire ai regolatori, minare codici e standard di efficienza e facendo green washing: finanziare un apparentemente gruppo indipendente di difesa con denaro dei contribuenti. ” Ha raccomandato alla CPUC di sanzionare l’utility.

Michael Boccadoro, capo di Dairy Cares, un gruppo di difesa dell’agricoltura e dell’alleavamento in California, era originariamente nel consiglio di amministrazione di C4Bes fino a quando non ha visto da vicino le loro tattiche – dicendo ai proprietari di case che agenti governativi avrebbero presto strappato le loro stufe a gas, i crematori che non avrebbero essere più in grado di cremare corpi e ristoranti asiatici che devono rinunciare ai loro wok. “È abbastanza fuorviante ciò che stanno cercando di fare”, dice, “e la storia che stanno raccontando là fuori. Sembra un’azione disperata. ” Si è dimesso per questo dal consiglio lo scorso anno.

C4Bes si è ritirato dal procedimento, ma è ancora attivo e continua il suo lavoro di lobbying sui funzionari municipali dipingendo storie horror sull’elettrificazione. E non è solo. Nel nord-ovest del Pacifico, una coalizione di servizi di gas ha lanciato uno sforzo di lobbying da 1 milione di dollari per respingere l’elettrificazione nella regione. “Partners for Energy Progress” utilizzerà gran parte della stessa messaggistica utilizzata da C4Bes.

Ciò significa due cose: aumentare i timori per i costi di una transizione (nonostante un ampio consenso sul fatto che l’elettrificazione farà risparmiare denaro ai consumatori e sottolineando la “scelta” dei consumatori.

Sommario
Elettrificazione e Biogas
Titolo Articolo
Elettrificazione e Biogas
Descrizione
Per rimanere in linea con gli obiettivi stabiliti nell'accordo sul clima di Parigi, gli Stati Uniti devono raggiungere emissioni di carbonio nette pari a zero entro il 2050, note come "profonda decarbonizzazione". Praticamente ogni studio credibile sulla decarbonizzazione profonda concorda sulle basi di una strategia per arrivarci. Una elettrificazione tramite energia rinnovabile che rivoluzionerebbe il nostro sistema di approvvigionamento
Autore
Editore
Home Green Home
Logo