Trasporto pubblico e qualità dell’aria

Il Lussemburgo diventa il primo paese a rendere gratuiti i trasporti pubblici.

Il Lussemburgo ha abolito le tariffe per treni, tram e autobus dal 28 febbraio 2020 in quello che il governo ha dichiarato essere un tentativo di affrontare la congestione stradale e l’inquinamento, oltre a sostenere le persone a basso reddito.

Tutti i viaggi di classe standard sui trasporti pubblici nel piccolo e ricco paese europeo sono ora gratuiti, rispetto a un abbonamento annuale del valore di 440 € prima. I viaggiatori possono ancora pagare per la prima classe, al costo di € 660 all’anno.

“Per le persone a basso reddito o con il salario minimo, per loro è davvero importante”, ha detto a Reuters il ministro dei trasporti Francois Bausch.

“Il motivo principale è avere una migliore qualità della mobilità, e quindi il motivo principale è chiaramente anche le questioni ambientali”.

Il Lussemburgo ha poco più di 600.000 abitanti, ma 214.000 in più viaggiano ogni giorno per lavoro dalla vicina Germania, Belgio e Francia, causando ingenti ingorghi mentre la maggior parte dei lavoratori si sposta in auto. Più della metà delle emissioni di gas a effetto serra del Lussemburgo proviene dai trasporti.

Alexandre Turquia, responsabile vendite di un gruppo alberghiero, si reca a lavorare nella capitale città di Lussemburgo da un villaggio vicino. Il viaggio dovrebbe durare 30 minuti, ma con il traffico può durare anche un’ora. Tuttavia, dice che la sua macchina è l’opzione migliore.

“Se devo visitare i clienti che sono lontani, prendo sicuramente la mia auto”, ha detto.

Ma Mia Mayer, una dipendente di Amazon, è già passata dalla guida a prendere l’autobus per andare a lavoro per risparmiare tempo e denaro.

“Ho avuto l’esperienza di provare quasi ogni giorno ad attraversare il centro città, rimanendo bloccata nel traffico e talvolta impiegando 45-50 minuti. La città di Lussemburgo non è un posto enorme, quindi è davvero tanto tempo alla guida ” ha affermato.

Per far fronte ai molti pendolari, il Lussemburgo prevede di investire 3,9 miliardi di euro in ferrovie nell’arco di tempo tra il 2018 e il 2028, aggiornare la rete di autobus e aggiungere altri siti di parcheggio e di frontiera.

Nonostante questi investimenti, il governo prevede che il 65% dei pendolari continuerà ad andare a lavorare in auto nel 2025, in calo rispetto al 73% del 2017. Il Lussemburgo è il primo paese a implementare il trasporto gratuito, ma alcune città, tra cui la capitale estone Tallinn, hanno già sperimentato l’idea.

Questo perché secondo un nuovo studio, l’inquinamento atmosferico è il principale fattore di rischio per la mortalità in tutto il mondo

L’inquinamento atmosferico è la principale causa di mortalità al mondo in quanto riduce la durata della vita di una persona in media di tre anni, secondo uno studio pubblicato martedì (3 marzo). Le Journal de l’Environment, partner di EURACTIV.

Sebbene l’inquinamento atmosferico sia un fattore consolidato nella mortalità globale, rimane ampiamente sottovalutato soprattutto l’inquinamento nelle città.

Mentre l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha stimato che abbia ucciso 4,2 milioni di persone nel 2016, i ricercatori hanno concluso che questa cifra potrebbe effettivamente essere più vicina a 8,8 milioni di persone.

Lo afferma Jos Lelieveld dell’Istituto Max Planck per la chimica di Magonza (Germania) e i suoi colleghi, che hanno pubblicato uno studio su Cardiovascular Research, il giornale della European Society of Cardiology (ESC).

I ricercatori hanno fatto riferimenti incrociati ai dati globali sull’esposizione a particelle fini (PM2,5; dimensioni inferiori a 2,5 micron) insieme ai dati sull’esposizione all’ozono utilizzando il modello di esposizione globale alla mortalità, uno strumento pubblicato nel 2018 che consente un migliore calcolo dell’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana.

Oltre agli effetti cardiovascolari e polmonari, il team ha valutato per la prima volta l’effetto su altre malattie non trasmissibili, tra cui diabete e ipertensione.

L’inquinamento: principale causa di mortalità

L’inquinamento atmosferico si sta quindi dimostrando il principale fattore di rischio per la mortalità in tutto il mondo, superando persino il fumo attivo e passivo, che rappresenta 7,2 milioni di decessi all’anno.

È stato riscontrato che l’inquinamento atmosferico provoca un calo medio dell’aspettativa di vita di 2,9 anni, rispetto a 2,2 anni per il tabacco, 0,7 anni per l’AIDS, 0,6 anni per malattie trasmesse da vettori e 0,3 anni per morti violente, che includono omicidi e guerre.

È nell’Asia orientale, inclusa la Cina, che l’aspettativa di vita è risultata maggiormente colpita dall’inquinamento atmosferico, con un calo dell’aspettativa di vita di 3,9 anni. Anche l’Asia meridionale, tra cui India e Pakistan, si è classificata al vertice con 3,3 anni.

In Europa, questa riduzione dell’aspettativa di vita è stata di 2,2 anni e si è notato che la situazione variava da ovest a est più colpita. In Africa, l’inquinamento atmosferico ha comportato una riduzione dell’aspettativa di vita di 3,1 anni, con un impatto simile a quello dell’AIDS e della mala

Sommario
Trasporto pubblico e qualità dell'aria
Titolo Articolo
Trasporto pubblico e qualità dell'aria
Descrizione
L'inquinamento atmosferico si sta quindi dimostrando il principale fattore di rischio per la mortalità in tutto il mondo, superando persino il fumo attivo e passivo, che rappresenta 7,2 milioni di decessi all'anno. Con il trasporto pubblico si può ridurre l'inquinamento atmosferico e aumentare la qualità della vita.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo