Economia circolare nell’agricoltura spagnola

Le imprese spagnole stanno affrontando la sfida della creazione dell’economia circolare.

Economia circolare nell’agricoltura spagnola

Dalla creazione di nuovi aromi e sapori dai sottoprodotti di scarto all’ottimizzazione dell’uso dell’acqua, le aziende spagnole stanno affrontando la sfida di attuare il piano di economia circolare dell’UE in diversi modi innovativi. Rapporti EFEAGRO del partner di EURACTIV.

La ricerca che studia il modo migliore per massimizzare il ciclo di vita dei prodotti, come parte del piano di economia circolare della Commissione europea, ha prodotto alcuni risultati promettenti.

In Spagna, fonti della Federazione delle industrie alimentari e delle bevande (FIAB) hanno dichiarato che “sono stati fatti molti investimenti per trarre vantaggio dai sottoprodotti dell’industria alimentare da utilizzare come materia prima per altri processi industriali”.

Questo tipo di innovazione include esempi come l’ottenimento di biogas da rifiuti agroalimentari o acque reflue industriali, nonché la ricerca di modi per ridurre al minimo il consumo di materie prime o migliorare la gestione dei rifiuti. Gli esempi sono innumerevoli.

Il riutilizzo va dal vino fino ai cosmetici

Matarromera Wineries ha lavorato per più di un decennio nella conservazione e promozione di “orujos”, un famoso brandy spagnolo. Dopo aver usato il prodotto per l’orujos, gli scarti sono ricchi di polifenoli, composti con proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antimicrobiche.

María Sevillano, responsabile dell’ambiente di Matarromera, afferma di poter quindi utilizzare i prodotti rimanenti sia in cosmetica che come ingrediente di alta qualità.

“Otteniamo un estratto in polvere che abbiamo integrato nei nostri cosmetici e lo utilizziamo come ingrediente di” alta cucina”, dal momento che può essere incorporato nei piatti per ridurre il contenuto di sale e migliorare alcuni sapori “, ha sottolineato Sevillano.

Nella sua strategia di economia circolare, Matarromera è anche interessata a utilizzare l’estratto come fungicida nei vigneti e a riutilizzare i rami di potatura come combustibile nelle caldaie.

L’uso di imballaggi più ecologici, la riduzione della dipendenza energetica e dell’impronta di carbonio sono anche alcuni degli obiettivi per raggiungere una maggiore sostenibilità, in linea con i nuovi principi della politica agricola comune post-2020, ha spiegato Sevillano.

Calidad Pascual è un’altra azienda agroalimentare spagnola che sta studiando i modi per riutilizzare i rifiuti prodotti dalle proprie fabbriche.

Il direttore di Calidad Pascual dell’unità “People, Quality and Ethical Management, Responsible and Excellent”, Joseba Arano, ha spiegato che la società ha ridotto il consumo di risorse ottimizzando i processi di produzione e confezionamento, riutilizzando i materiali ai quali può essere data una nuova vita e utilità separando i rifiuti riciclabili.

Tutto ciò che è stato lasciato poi va ad alimentare l’energia, creando un processo “totalmente circolare”, ha aggiunto Arano.

Inoltre, Calidad Pascual ha incorporato criteri ambientali nella progettazione degli imballaggi e, dal 2010, il consumo di acqua nelle fabbriche del gruppo è diminuito di quasi il 30%, secondo le fonti dell’azienda.

Fino al 70% delle risorse idriche finisce come sottoprodotto di basso valore o deve essere trattato, il che rappresenta un costo elevato.

Il progetto WaSeaBi, finanziato dall’UE, con la partecipazione del centro tecnologico basco AZTI, è stato lanciato per diminuirre lo sfruttamento delle risorse idriche.

“Cerchiamo qualsiasi parte che viene sprecata all’interno della catena del valore come le frazioni di pesce nel suo processo di pulizia, le acque di cottura e desalinizzazione del merluzzo o le conchiglie di molluschi”, ha dichiarato il ricercatore AZTI Bruno Iñarra.

Da lì, è possibile ottenere nuovi alimenti per animali per bestiame o animali domestici e composti aromatici come cubetti di pesce o aromi per i pasti pronti.

Il direttore dell’Innovazione dell’Istituto tecnologico agrario di Castilla y León (ITACyL), Cristina León, sottolinea che è necessario massimizzare il più possibile l’uso delle risorse per aumentare la redditività, ma ha avvertito che “molti nuovi processi e tecnologie hanno un costo elevato ”.

Castilla y León (Spagna nord-occidentale) ha messo in atto diverse iniziative per sfruttare castagne, patate, siero di latte, crusca di frumento e avena.

Questa comunità autonoma spagnola lo scorso anno ha investito 2,6 milioni di euro nella bioeconomia agroalimentare.

“Molte ricerche devono essere fatte”, ha detto León, aggiungendo che “abbiamo cercato alternative ai bioprocessi per ottenere prodotti che in precedenza avevamo fatto dal petrolio perché era più facile ed economico”.

L’agricoltura diventa circolare

Tutti questi esempi mostrano l’impegno della Spagna nel percorso dell’economia circolare. L’obiettivo principale dell’economia circolare spagnola è riutilizzare i rifiuti e questo obiettivo si sta manifestando in diversi modi in tutto il paese.

Questa ambizione è anche una delle priorità dell’agenda dell’Unione Europea e abbiamo visto l’introduzione di incentivi e regolamenti per aiutare i settori produttivi a diventare più rispettosi del clima e contribuire a mitigare i cambiamenti climatici, una delle priorità previste nella politica agricola comune (PAC).

Le sfide di un’economia circolare possono variare ampiamente da un luogo all’altro.

Mentre le città si occupano di grandi quantità di rifiuti organici e imballaggi concentrati in un’area ristretta, nelle campagne l’attenzione è molto più focalizzata sui settori agricolo e zootecnico, come la gestione di liquami, rifiuti di acido lattico o residui di contenitori con pesticidi.

La campagna delle Isole Canarie, ad esempio, sta cercando di promuovere un futuro più sostenibile, che è un pilastro fondamentale del progetto “L’agricoltura è molto di più” (“Agricultura es mucho más”).

Questa iniziativa di sviluppo vecchia di quasi un decennio è progettata per facilitare gli incontri tra persone che lavorano nello stesso settore e favorire lo scambio di sottoprodotti e trasformare i “rifiuti in risorse agricole”.

“Questo è un tipo di agricoltura che inquina di meno, consuma rifiuti, prende la potatura dalle verdure e la trasforma in compost. Questa non è l’agricoltura del 21° ma del 22° secolo. È l’agricoltura perfettamente compatibile con i cambiamenti climatici, con la sostenibilità “, ha affermato Rafael Hernández, presidente dell’organizzazione agricola COAG-Canarias.

Grazie al miglioramento della comunicazione tra pastori e agricoltori, ora stanno facilitando la creazione di “tè” di compost, un estratto liquido altamente nutriente per il suolo, a base di residui di liquami o acido lattico dai caseifici, un prodotto popolare nelle Canarie Isole

Utilizzando i sottoprodotti di scarto in questo modo, aiuta anche a regolare il pH dell’acqua nelle piantagioni.

Questa interazione ha permesso loro di ridurre i costi di produzione e ridurre il consumo di acqua, ha affermato Hernández.

Grazie a questi metodi, ha aggiunto, sono in grado di migliorare la qualità del suolo utilizzando risorse naturali e consumando meno acqua, soprattutto importante dato che la mancanza di risorse idriche è un problema diffuso nelle Isole Canarie.

Un altro problema che il settore locale deve affrontare è la gestione dei contenitori di fertilizzanti, agenti biostimolanti e prodotti fitosanitari utilizzati in agricoltura.

SigfitoAgroenvases, una società locale senza scopo di lucro che fornisce consulenza su strategie ecocompatibili, ha una serie di punti di raccolta che danno una seconda vita ai contenitori lasciati da agricoltori o allevatori.

Dopo la raccolta, l’organizzazione li trasforma in tubi di irrigazione o plastica, tra le altre cose.

“I sistemi di raccolta rappresentano l’economia circolare in sé perché garantiamo che tutti i contenitori consegnati saranno riciclati”, ha detto il portavoce di Sigfito Luis López.

“L’economia circolare è il futuro”, ha sottolineato López, grazie al fatto che “genera ricchezza e benessere ambientale” e consente all’agricoltura di essere “sostenibile e sana, e il cibo può essere prodotto in sicurezza”,

Tuttavia, per implementare correttamente il sistema, l’organizzazione richiede maggiori informazioni dagli agricoltori, in particolare su come distribuiscono i loro rifiuti in contenitori.

Inoltre, sono necessari ulteriori punti di raccolta per altri tipi di rifiuti per ampliare il loro programma, poiché quelli installati da Sigfito possono essere utilizzati solo dalle sue società affiliate.

Ricerca e innovazione: chiavi dell’economia circolare

Allo stesso modo, Ecoembes opera anche nel settore della raccolta “eco-compatibile”, ma questa società spagnola senza scopo di lucro concentra la sua attività principale sul riciclaggio di contenitori domestici in plastica, vetro, cartone, carta, mattoni e metallo, che insieme rappresentano circa l’8% dei rifiuti solidi urbani totali in Spagna.

“Il miglior rifiuto è quello che non viene prodotto. Tuttavia, se prodotto, deve essere riciclato in modo da diventare una nuova materia prima: questa è la genesi dell’economia circolare “, ha detto il portavoce di Ecoembes Álvaro Otero, aggiungendo che” non ci sono residui ma risorse “.

“CircularLab” di Ecoembes sta anche cercando di espandersi nell’uso di nuove risorse.

In Europa, sta aprendo la strada a un’iniziativa di economia circolare, che mira a promuovere meglio le pratiche di ricerca e ad attuare metodi innovativi di imballaggio e riciclaggio.

Con sede nella regione di LaRioja, i suoi esperti conducono ricerche su nuovi formati di imballaggio, progetti migliorati e metodi di riciclaggio per facilitare i processi di produzione.

“L’innovazione è la chiave per rendere circolari i rifiuti” e per generare nuove attività economiche con un impatto positivo, ha affermato ZacaríasTorbado, coordinatore del CircularLab.

“O adottiamo un approccio di economia sostenibile o assisteremo a una situazione molto difficile”, ha sottolineato, aggiungendo che la tendenza europea dovrebbe essere adottata da tutti i cittadini di tutto il mondo.

Sommario
Economia circolare nell'agricoltura spagnola
Titolo Articolo
Economia circolare nell'agricoltura spagnola
Descrizione
L’impegno della Spagna nel percorso dell’economia circolare. L'obiettivo principale dell'economia circolare spagnola è riutilizzare i rifiuti e questo obiettivo si sta manifestando in diversi modi in tutto il paese. Nell'agricoltura spagnola vi è un forte impulso nel riutilizzo degli scarti e della riduzione di utilizzo delle risorse.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo