Incendi al Polo Nord

Gli incendi nell’Artico

Gli scienziati mettono in guardia dai cosiddetti incendi zombie nella zona del polo nord

“Incendi zombi” dormienti sparsi nella regione artica – dovuti ai resti degli incendi record dell’anno scorso – potrebbero prendere vita dopo una primavera insolitamente calda e secca.

“Abbiamo visto osservazioni satellitari di incendi attivi che suggeriscono che degli incendi zombie potrebbero essersi riaccesi”, ha affermato Mark Parrington, scienziato senior ed esperto di incendi del servizio di monitoraggio atmosferico Copernicus dell’Unione europea.

Gli hotspot, che devono ancora essere confermati dalle misurazioni del terreno, sono particolarmente concentrati nelle aree bruciate l’estate scorsa.

L’anno 2019 è stato caratterizzato da incendi senza precedenti in scala e durata in vaste aree della Siberia e dell’Alaska. Come anche temperature record in Antartide

A giugno, il più caldo mai registrato, risalente a 150 anni fa, si stima che le fiamme abbiano rilasciato nell’atmosfera 50 milioni di tonnellate di CO2, equivalenti alle emissioni annuali della Svezia.

 “Potremmo vedere un effetto cumulativo della stagione degli incendi dell’anno scorso nell’Artico, che alimenterà la prossima stagione e potrebbe provocare nuovamente incendi su vasta scala e di lungo periodo nella stessa regione”, ha affermato Parrington.

Il rischio di incendi aumenta con il caldo e la bassa umidità, e l’Europa in particolare ha visto temperature record per marzo e aprile di quest’anno.

“C’è stato un tremendo calore nell’Artico che ha portato a un sacco di essiccazione, rendendo i terreni di torba maturi e facili da bruciare”, ha detto a WF Mike Waddington, un esperto di ecosistemi presso la McMaster University in Canada.

Cosa è un fuoco zombie?

“Un fuoco di zombi è un fuoco che continua a bruciare sottoterra e poi si riaccende in superficie dopo un certo periodo di tempo”, ha spiegato Waddington.

Incendi residui

Le braci in profondità nei terreni organici come le torbiere possono incendiarsi e continuare a bruciare anche per settimane, mesi e persino anni.

Gli scienziati che monitorano l’Alaska hanno visto un fenomeno simile.

“I responsabili dei vigili del fuoco hanno notato un numero crescente di eventi in cui gli incendi sopravvivono ai mesi invernali boreali freddi e umidi e sono riemersi nella primavera successiva”, ha riferito il consorzio Alaska Fire Science, che raggruppa quattro università e istituti di ricerca, nella loro newsletter della primavera 2020.

Dal 2005, gli scienziati sul campo in Alaska hanno identificato 39 di questi “incendi residui”, come vengono anche chiamati.

Abbinando queste osservazioni ai dati satellitari, hanno scoperto che la maggior parte degli incendi erano troppo piccoli – meno di 11 ettari e nella maggior parte dei casi meno di uno – per essere rilevati. Ma sette di loro erano visibili dallo spazio.

Le enormi fiamme dello scorso anno sono state alimentate da un calore record. Parti di Siberia e Alaska erano fino a 10 gradi Celsius più calde del normale per settimane a volte. Le temperature in Groenlandia hanno accelerato lo scioglimento della calotta glaciale spessa chilometri dell’isola, causando una perdita netta di 600 miliardi di tonnellate di massa di ghiaccio l’anno scorso, pari a circa il 40% dell’innalzamento de

Sommario
Incendi al Polo Nord
Titolo Articolo
Incendi al Polo Nord
Descrizione
Gli scienziati mettono in guardia dai cosiddetti incendi zombie nella zona del polo nord. In Siberia, Canada e Alaska la situazione può diventare grave.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo