Europa ed Economia Circolare

Un piano per una vera economia circolare in Europa

La Commissione europea mirerà a “disaccoppiare assolutamente” la crescita economica dall’uso delle risorse naturali in un progetto di piano d’azione per l’economia circolare che dovrebbe essere presentato a marzo.

Il progetto di tabella di marcia è descritto come “strumentale” per raggiungere l’obiettivo dell’Europa di diventare il primo continente neutro dal punto di vista climatico al mondo entro il 2050.

Il 66% delle emissioni di CO2 è direttamente correlato alla gestione dei materiali, sottolinea il documento esposto dalla Commissione, affermando che “la circolarità è un importante fattore di neutralità climatica” che dovrebbe essere integrata nei piani climatici nazionali sviluppati dagli Stati membri dell’UE ai sensi dell’accordo di Parigi.

“Per dissociare assolutamente la crescita dall’uso delle risorse, dobbiamo cambiare il modo in cui produciamo, commercializziamo, consumiamo e commerciamo e il modo in cui trattiamo i rifiuti”, afferma la Commissione nell’introduzione alla sua nuova strategia.

Il piano è ancora soggetto a modifiche ma fornisce un’indicazione delle intenzioni della Commissione. E anche gli ambientalisti concordano sul fatto che il livello di ambizione è elevato.

“Il progetto di piano d’azione per l’economia circolare mostra molti elementi promettenti, in particolare l’ambizione di ridurre il nostro consumo di risorse in termini assoluti e di rendere sostenibili tutti i prodotti sul mercato europeo”, ha affermato Jean-Pierre Schweitzer, responsabile delle politiche per l’economia circolare in Europa Environmental Bureau (EEB), un’organizzazione verde.

“Siamo molto felici di vedere obiettivi sia per la prevenzione dei rifiuti che per la riduzione assoluta dell’uso delle risorse”, ha detto Schweitzer a EURACTIV. “Per quanto riguarda l’obiettivo sui rifiuti urbani residui, questo è abbastanza buono”, ha detto Schweitzer in commenti via e-mail, aggiungendo che l’EEB aveva fatto una campagna per un po ‘di tempo sulla questione, emettendo di recente 10 raccomandazioni su come trasformare la politica europea sui rifiuti.

L’economia circolare è diventata un tema politico chiave sotto la precedente Commissione guidata da Jean-Claude Juncker. Il vicepresidente della Commissione Frans Timmermans si è occupato personalmente dell’agenda dell’economia circolare nell’era Juncker e ora vuole portarla al livello successivo come parte del Green Deal europeo della nuova commissione.

Dimezzare i rifiuti urbani

Uno dei principali obiettivi della nuova tabella di marcia per l’economia circolare è l’impegno a ridurre significativamente i rifiuti.

“La quantità di rifiuti urbani residui dovrebbe essere dimezzata nel prossimo decennio”, afferma il documento. Suggerisce inoltre di ridurre “della metà” l’uso delle risorse materiali, sebbene questo obiettivo compaia tra parentesi, nel senso che è ancora oggetto di discussioni interne.

“Entro il 2030, solo i prodotti più sicuri, circolari e sostenibili dovrebbero essere immessi sul mercato dell’UE”, si legge nel documento, affermando che la Commissione concentrerà i suoi sforzi su “misure a monte” come “requisiti minimi che impediscono che prodotti insostenibili possano essere ammessi sul Mercati dell’UE “.

Gli attivisti ambientalisti sono cautamente ottimisti su tali obiettivi, tuttavia, affermando che gli obiettivi di riduzione dei rifiuti erano ancora incerti e contenevano alcuni punti deboli.

“Un obiettivo di risorse basato sull’impronta materiale è molto gradito, ma dobbiamo fissare un obiettivo per il 2030, poiché un obiettivo del 2050 non guiderà un dibattito politico”, ha affermato Schweitzer, chiedendo un obiettivo di impronta materiale del 50% per il 2030.

Schweitzer ha anche osservato le omissioni nella road map, indicando l’assenza di obiettivi per ridurre gli sprechi commerciali e chiedendo misure più specifiche in settori come il tessile e l’arredamento.

“Speriamo che la Commissione si impegni a fissare rapidamente i requisiti minimi nelle strategie settoriali nel settore tessile e delle costruzioni. Siamo sorpresi che i mobili non siano menzionati “,

Nell’ottobre 2019, gli Stati membri dell’UE hanno adottato conclusioni sull’economia circolare, affermando che “sono necessari ulteriori sforzi ambiziosi per stimolare una transizione sistemica verso una società sostenibile”.

I governi nazionali hanno in particolare invitato la Commissione “ad adottare un nuovo piano d’azione per l’economia circolare con azioni mirate” in settori industriali come quelli tessili, dei trasporti e alimentari, nonché nei settori dell’edilizia e della demolizione.

Dataspace circolare europeo

Altrove, la tabella di marcia pone l’accento sulle tecnologie digitali, un capitolo che potrebbe portare l’impronta di Thierry Breton, il commissario per il mercato interno dell’UE.

“Verrà sviluppato un dataspace circolare europeo” per migliorare la “qualità, pertinenza e disponibilità” dei dati relativi al prodotto. Ciò includerà “informazioni digitali obbligatorie” lungo le catene del valore del prodotto, tramite “un passaporto elettronico del prodotto” che renderà accessibili le caratteristiche dei prodotti.

Nemmeno i consumatori sono dimenticati, con proposte per un “divieto a livello europeo di alcuni tipi di greenwashing”, tra cui “una nuova proposta legislativa che impone alle società di comprovare le proprie affermazioni sulle prestazioni ambientali” utilizzando metodologie approvate dall’UE.

La Commissione intende inoltre reprimere le “pratiche di obsolescenza pianificate” e stabilire un nuovo diritto alla riparazione nel diritto del consumatore dell’UE, garantendo ai consumatori la disponibilità di servizi di riparazione a prezzi accessibili e pezzi di ricambio.

Altre iniziative nella tabella di marcia per l’economia circolare includono:

• Nuova legislazione sui rifiuti di imballaggio, compresi i requisiti essenziali per l’imballaggio.
• Norme aggiornate su batterie e veicoli fuori uso per garantire alti tassi di riciclaggio per le auto elettriche.
• Una revisione delle leggi sulle sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RoHS).
• Revisione delle norme sulle spedizioni di rifiuti, al fine di incentivare il commercio di rifiuti e materiali secondari.
• Promuovere il commercio di materie prime secondarie con iniziative regionali volte a “armonizzare i criteri nazionali sui rifiuti finali e sui sottoprodotti”. Questi potrebbero essere il primo passo verso criteri a livello di UE.
• Un passaggio a “prodotti chimici sicuri per progettazione” finalizzato alla sostituzione di sostanze ritenute dannose per la salute umana e l’ambiente.
• Regole di verifica ed etichettatura più rigorose per garantire che le materie plastiche a base biologica producano veri e propri benefici ambientali.
• Una “strategia globale dell’UE” per i tessili e l’abbigliamento, volta a stimolare il mercato dei tessili circolari.
• Rendere accessibile l’acqua potabile nei luoghi pubblici per ridurre la dipendenza dall’acqua in bottiglia.
• Una “strategia globale per un ambiente costruito sostenibile” al fine di affrontare il “carbonio incarnato” nei prodotti da costruzione.
• I requisiti di progettazione ecocompatibile per i prodotti TIC e “un sistema di premi a livello UE per restituire o vendere vecchi telefoni cellulari”, prolungano la loro durata e migliorano il loro riciclaggio.
• Promuovere catene del valore globali circolari nelle discussioni commerciali, con un “accordo globale sulla plastica” che si occupa della progettazione del prodotto e della gestione dei rifiuti.

Sommario
Europa ed Economia Circolare
Titolo Articolo
Europa ed Economia Circolare
Descrizione
La Commissione europea mirerà a "disaccoppiare assolutamente" la crescita economica dall'uso delle risorse naturali in un progetto di piano d'azione per l'economia circolare che dovrebbe essere presentato a marzo. Il progetto di tabella di marcia è descritto come "strumentale" per raggiungere l'obiettivo dell'Europa di diventare il primo continente neutro dal punto di vista climatico al mondo entro il 2050.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo