Unione Europea: le foreste per salvare il clima

Il piano climatico dell’UE soffia su foreste e biomasse

Pur riconoscendo il ruolo positivo delle foreste nella mitigazione del riscaldamento globale, la Commissione europea ha irritato le industrie agroforestali e delle biomasse affermando la sua intenzione di limitare la crescita del settore.

L’UE imporrà un limite al numero di alberi che possono essere abbattuti in Europa ogni anno? A giudicare dal piano climatico 2030 della Commissione, presentato la scorsa settimana, questa sembra ora una possibilità concreta.

La capacità delle foreste di agire come un “serbatoio di carbonio” – assorbendo più CO2 di quanta ne emettono – sta diminuendo e deve essere invertita, ha affermato la Commissione nel suo nuovo piano climatico per il 2030.

L’esecutivo dell’UE sostiene che “abbiamo bisogno di un bacino crescente affinché l’UE raggiunga la neutralità climatica entro il 2050” e chiede una migliore gestione delle foreste, nonché iniziative di rimboschimento per ripristinare i terreni degradati e preservare la biodiversità.

“Dobbiamo davvero prenderci cura delle nostre foreste”, ha affermato Frans Timmermans, vicepresidente esecutivo dell’UE incaricato dell’azione per il clima. “Dobbiamo assicurarci che le nostre foreste rimangano sane e questo sarà un compito epocale”, ha detto ai giornalisti.

I proprietari di foreste non contraddirebbero la Commissione su questo punto. Più volte hanno sottolineato il ruolo delle “pratiche di gestione forestale sostenibile” nella conservazione ambientale e come queste possono sostenere la biodiversità e gli obiettivi climatici dell’UE.

Tuttavia, affermano che il piano climatico 2030 della Commissione pone troppa enfasi sul ruolo delle foreste come serbatoi di carbonio.

“Questo approccio è piuttosto sfortunato in quanto omette altri due importanti vantaggi climatici forniti dalle foreste: lo stoccaggio del carbonio nelle foreste dell’UE e nei prodotti del legno e la sostituzione del carbonio con il legno che sostituisce i prodotti fossili e l’energia”, ha affermato Fanny-Pomme Langue, segretario generale di la Confederazione dei proprietari forestali europei (CEPF).

Per i proprietari di foreste, la chiave è mantenere le foreste come strumenti economici “produttivi” fornendo loro i ricavi necessari per prendersi cura della loro terra. E ciò implica diradamento, raccolta e reimpianto di alberi come parte di pratiche di gestione forestale “attive”.

“I proprietari delle foreste sono i custodi del futuro delle foreste e il loro obiettivo è mantenere ecosistemi produttivi, sani e vitali”, ha affermato Sven-Erik Hammar, membro del consiglio di CEPF.

Questa era l’opinione sostenuta dalla commissione per l’agricoltura del Parlamento europeo, che all’inizio di questo mese ha sostenuto una relazione che tracciava “la via da seguire” per l’imminente strategia forestale dell’UE, che dovrebbe essere pubblicata nei prossimi mesi.

Dissipatore di carbonio e riserva di carbonio

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, sembra riconoscere il ruolo che le foreste possono svolgere per il clima. Nel suo discorso sullo stato delle foreste e dei boschi ha affermato che gli edifici europei potrebbero essere trasformati “da una fonte di carbonio in un pozzo di carbonio se si utilizzano materiali organici come il legno”.

Poiché gli alberi assorbono CO2 mentre crescono, raccoglierli per produrre prodotti in legno è effettivamente considerata un’attività economica “positiva per il clima” che cattura il carbonio sotto forma di mobili o materiali da costruzione.

Più controverso, tuttavia, è quando il legno viene bruciato negli impianti a biomasse per produrre elettricità o come metodo per riscaldare le case delle persone.

I critici dicono che bruciare legna rilascia immediatamente CO2 che ha impiegato anni o addirittura decenni per accumularsi durante la fase di crescita dell’albero. Questo, sostengono, crea un “debito di carbonio” per le generazioni future fino a quando nuovi alberi non possono ricrescere e aspirare una quantità equivalente di CO2.

E poiché il tempo sta scadendo per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 2 ° C, sostengono che è necessario intraprendere un’azione urgente per prevenire un ulteriore aumento della combustione di biomassa per la generazione di energia.

La Commissione europea sembrava prestare attenzione a queste preoccupazioni quando ha posto l’accento sulla necessità di ripristinare i pozzi di assorbimento del carbonio in Europa.

“Gli aumenti previsti nell’uso della bioenergia entro il 2030 sono limitati rispetto ad oggi”, ha sottolineato la Commissione nel suo piano climatico 2030, proteggendosi da qualsiasi “ulteriore aumento della raccolta” che potrebbe vedere il serbatoio di carbonio dell’UE diminuire ulteriormente.

“Qualsiasi intensificazione insostenibile della raccolta forestale a fini di bioenergia dovrebbe essere evitata”, ha avvertito l’esecutivo dell’UE, affermando che “l’uso di alberi interi e colture alimentari e foraggere per la produzione di energia – prodotta nell’UE o importata – dovrebbe essere ridotto al minimo” al fine di limitare l’impatto sul clima e sulla biodiversità.

I produttori di bioenergia contestano questo, affermando che le pratiche di “gestione attiva delle foreste” “ottimizzeranno il flusso di carbonio” e promuoveranno i pozzi di assorbimento del carbonio oltre a fornire i posti di lavoro e l’attività economica tanto necessari per le aree rurali.

“È importante sottolineare che la bioenergia non è una forza trainante della raccolta forestale”, ha affermato Bioenergy Europe, un’associazione di categoria. In effetti, la copertura forestale nell’UE è aumentata del 5,8% nel 1995-2015 mentre il consumo di bioenergia “è più che raddoppiato” nello stesso periodo, sottolinea.

“L’aumento della bioenergia è stato possibile grazie a un migliore utilizzo dei residui delle industrie forestali e alle maggiori sinergie con l’industria del legno”, ha detto Jean-Marc Jossart, segretario generale di Bioenergy Europe.

È importante sottolineare che Jossart ha affermato che dovrebbe essere fatta una distinzione tra “serbatoi di carbonio” – la capacità delle foreste di catturare carbonio – e lo “stock di carbonio”, che è la quantità totale di carbonio immagazzinata nella foresta in un determinato momento nel tempo.

“Una gestione forestale basata sulla massimizzazione dello stock di carbonio non sarà efficace contro i cambiamenti climatici a causa della maturazione degli alberi e delle perdite di carbonio” a causa di incendi e insetti, che stanno diventando più frequenti a causa del cambiamento climatico, ha affermato.

In realtà una foresta gestita meglio riduce i rischi di incendi boschivi poiché ci sarà meno legno morto sul terreno per aiutare la propagazione del fuoco.

La semina, il diradamento, la raccolta e il reimpianto fanno parte delle operazioni virtuose delle foreste rispettose del clima, così come la rimozione degli alberi infetti dalle foreste.

Incentivi per la biomassa “sostenibile”

La Commissione non lo contesta, affermando che “la promozione di una gestione forestale sostenibile” combinata con l’applicazione rigorosa dei criteri verdi dell’UE per la biomassa contribuirà a rendere il settore più sostenibile.

E mantiene la porta aperta alle bioenergie in generale, affermando che “uno spostamento verso la crescita della biomassa legnosa su terreni coltivati ​​in modo sostenibile, anche come materia prima per biogas e biocarburanti avanzati, potrebbe alleviare la situazione” e aiutare a ripristinare foreste sane.

“La produzione di bioenergia dovrebbe provenire da un migliore utilizzo dei rifiuti e dei residui della biomassa e dalla coltivazione sostenibile di colture energetiche, piuttosto che sostituire la produzione di biocarburanti di prima generazione a base di colture alimentari”, afferma il dirigente dell’UE.

Se queste soluzioni vengono implementate rapidamente nei prossimi anni, “ciò potrebbe già invertire l’attuale tendenza di una diminuzione del pozzo di carbonio terrestre dell’UE entro il 2030, aumentandola di nuovo a livelli superiori a 300 milioni di tonnellate di CO2eq”, afferma la Commissione.

Poiché gli alberi assorbono CO2 mentre crescono, raccoglierli per produrre prodotti in legno è effettivamente considerata un’attività economica “positiva per il clima” che cattura il carbonio sotto forma di mobili o materiali da costruzione.

Più controverso, tuttavia, è quando il legno viene bruciato negli impianti a biomasse per produrre elettricità o come metodo per riscaldare le case delle persone.

I critici dicono che bruciare legna rilascia immediatamente CO2 che ha impiegato anni o addirittura decenni per accumularsi durante la fase di crescita dell’albero. Questo, sostengono, crea un “debito di carbonio” per le generazioni future fino a quando nuovi alberi non possono ricrescere e aspirare una quantità equivalente di CO2.

E poiché il tempo sta scadendo per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 2 ° C, sostengono che è necessario intraprendere un’azione urgente per prevenire un ulteriore aumento della combustione di biomassa per la generazione di energia.

Entro la fine dell’anno, la Commissione dovrebbe pubblicare un’ampia revisione delle politiche sulla biomassa. E da ora in poi si prevede che gran parte del dibattito si concentrerà sugli incentivi necessari per sostenere le pratiche forestali sostenibili e la rimozione del carbonio.

“Sicuramente, vogliamo riconoscere lerimozioni che vengono compiute nell’agricoltura e nella silvicoltura con maggiore forza di quanto abbiamo fatto in passato”, ha detto un alto funzionario dell’UE che ha informato i giornalisti dopo che la Commissione ha presentato il suo piano 2030 sul clima la scorsa settimana.

“Ciò richiederà incentivi per coloro che sono responsabili – e cioè gli agricoltori e i silvicoltori”, ha detto il funzionario.

In Germania, il governo sta attualmente discutendo un “premio per gli alberi” di 125 € per ettaro come un modo per aiutare i proprietari di foreste per la riduzione delle emissioni di carbonio. I premi sarebbero collegati al mercato del carbonio dell’UE, il che significa che se i prezzi della CO2 aumentassero, aumenterebbe anche il premio per gli alberi.

Un’altra opzione è ricondurre l’agricoltura a un regolamento dell’UE che si occupa di uso del suolo, cambiamento di destinazione d’uso del suolo e silvicoltura (LULUCF).

“Per qualcuno che è responsabile dell’agricoltura e della silvicoltura, è probabilmente molto più facile gestirlo come campo politico e fare i giusti compromessi all’interno del settore”, ha spiegato il funzionario, dicendo che qualsiasi proposta dell’UE in materia dovrebbe essere sostenuta da un’analisi costi-benefici e in linea con la politica agricola comune.

Per il settore della bioenergia, gli incentivi vanno bene fintanto che consentono ai silvicoltori di “gestire attivamente le loro foreste attraverso la semina, il diradamento, la raccolta e il reimpianto”.

“Se al contrario, questi sussidi sono lì per lasciare le foreste intatte, ciò avrà gli effetti negativi di ridurre la loro capacità di recupero”, sostiene.

Sommario
Unione Europea: le foreste per salvare il clima
Titolo Articolo
Unione Europea: le foreste per salvare il clima
Descrizione
Il piano climatico dell'UE soffia su foreste e biomasse. Gli edifici europei potrebbero essere trasformati da una fonte di carbonio in un pozzo di carbonio se si utilizzano materiali organici come il legno. Quindi è importante sviluppare una strategia per il patrimonio forestale.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo