L’inquinamento nell’Unione Europea

Nell’UE, 1 decesso su 8 legato all’inquinamento

Nell’UE, il 13% dei decessi è legato all’inquinamento, afferma un nuovo rapporto dall’Agenzia europea dell’ambiente (EEA), che ha sottolineato che l’attuale pandemia ha messo sotto i riflettori i fattori di salute ambientale.

Gli europei sono costantemente esposti a rischi ambientali come l’inquinamento atmosferico, il rumore e le sostanze chimiche e la pandemia Covid-19 fornisce un esempio dei collegamenti tra “salute umana e salute dell’ecosistema”.

“L’emergere di tali agenti patogeni zoonotici è collegata al degrado ambientale e alle interazioni umane con gli animali nel sistema alimentare”, afferma il rapporto.

La zoonosi è una malattia animale che si trasmette all’uomo.

Nei 27 paesi dell’UE e nel Regno Unito, 630.000 decessi nel 2012 potrebbero essere attribuiti a fattori ambientali, secondo gli ultimi dati disponibili, afferma il rapporto.

Ha inoltre rilevato un netto contrasto tra l’Europa occidentale e quella orientale, divise lungo linee socio-economiche.

Pertanto, la Romania vede il maggiore impatto da fattori ambientali con un decesso su cinque legato all’inquinamento, mentre paesi come Svezia e Danimarca ne vedono uno su 10.

L’inquinamento è principalmente legato al cancro, alle malattie cardiovascolari e respiratorie, e l’AEA ha sottolineato che “queste morti potrebbero essere evitate eliminando i rischi ambientali per la salute”.

“Le persone più povere sono esposte in modo sproporzionato all’inquinamento atmosferico e alle condizioni meteorologiche estreme, comprese le ondate di caldo e il freddo estremo”, afferma il rapporto.

“Questo è legato a dove vivono, lavorano e vanno a scuola, spesso in quartieri urbani socialmente svantaggiati e vicini al traffico intenso”, ha aggiunto.

Su una nota più positiva, la qualità dell’acqua in Europa sta andando bene.

La qualità dell’acqua balneabile è considerata “eccellente” nell’85% dei casi e il 74% dei corpi idrici sotterranei – un’importante fonte di acqua potabile – ha un “buono stato chimico”.

Secondo l’AEA, al fine di migliorare la salute e l’ambiente in Europa, dovrebbero essere favoriti gli “spazi verdi e blu”, poiché “rinfrescano le città durante le ondate di caldo, alleviano le acque alluvionali, riducono l’inquinamento acustico e sostengono la biodiversità urbana”.

Inoltre, gli spazi verdi che forniscono “spazi pubblici per il relax e l’esercizio facilitano le interazioni con la comunità” che aiuta a “ridurre l’isolamento sociale”.

Altre misure proposte per migliorare l’ambiente includono la riduzione del traffico stradale, il taglio del consumo di carne e l’eliminazione dei sussidi ai combustibili fossili.

La situazione attuale dell’Europa

Lo stato dell’ambiente in Europa influisce negativamente sulla salute e sulla qualità della vita dei cittadini europei. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) produce periodicamente dati sul carico globale di malattia attribuibile all’ambiente, con i dati più recenti disponibili – pubblicati nel 2016 – indicano che ci sono stati 630.000 decessi attribuibili all’ambiente nell’UE nel 2012. Il peso delle malattie ambientali è distribuito in modo non uniforme in tutta Europa, con la percentuale di decessi attribuibile a fattori ambientali che vanno da un minimo del 9% in Norvegia e Islanda al 23% in Albania e al 27% in Bosnia ed Erzegovina.

L’inquinamento ambientale è collegato a una serie di esiti di malattie, tra cui cancro, malattie cardiache, ictus, malattie respiratorie e disturbi neurologici. Vivere con queste malattie riduce la qualità della vita, con più di 20 milioni di anni di vita in buona salute persi a causa di malattie attribuibili ad ambienti di scarsa qualità in 28 Stati membri dell’UE (UE-28) nel 2012.

Le persone sono esposte a più fattori di stress ambientali contemporaneamente, che si combinano e in alcuni casi agiscono sinergicamente, causando impatti sulla salute.

In particolare, l’inquinamento atmosferico e le alte temperature sono noti per agire in modo sinergico, determinando un aumento della morbilità e della mortalità. L’ambiente urbano è caratterizzato dalla presenza di molteplici fattori di stress, con le persone nelle città che sono più esposte all’inquinamento atmosferico, al rumore e alle sostanze chimiche pur avendo meno accesso allo spazio verde rispetto alle persone negli ambienti rurali.

L’inquinamento atmosferico è il principale fattore ambientale alla base delle malattie, con circa 400 000 morti premature attribuite ogni anno all’inquinamento atmosferico nell’UE. La cattiva qualità dell’aria interna correlata alla combustione di combustibili solidi provoca quasi 26000 morti premature ogni anno in tutto il SEE-39 (1). Esistono prove iniziali che suggeriscono che l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico può aumentare la suscettibilità al COVID-19, con ulteriori ricerche necessarie.

Il rumore è il secondo rischio ambientale più significativo, con l’esposizione al rumore ambientale che causa 12.000 morti premature all’anno e contribuisce a 48.000 nuovi casi di cardiopatia ischemica.

Gli impatti sulla salute dei cambiamenti climatici sono complessi e includono i pericoli immediati di eventi meteorologici estremi, come ondate di caldo, freddo e inondazioni, così come il cambiamento dei modelli di malattie trasmesse da vettori e da acqua e cibo. Le ondate di caldo sono il tipo più mortale di condizioni meteorologiche estreme in tutta Europa, con le aree urbane particolarmente colpite a causa dell’effetto isola di calore. Negli attuali scenari di riscaldamento globale, i decessi aggiuntivi dovuti alle ondate di calore potrebbero raggiungere oltre 130.000 all’anno. Le forti precipitazioni, le inondazioni, l’innalzamento del livello del mare e le ondate di calore, nonché i cambiamenti climatici a lungo termine, rappresentano una minaccia per le infrastrutture, la produzione alimentare e altre attività economiche. Altri effetti a catena del cambiamento climatico, ad esempio la perdita di biodiversità, avranno impatti indiretti, come una ridotta produttività agricola e un minore potenziale di identificazione dei medicinali a base vegetale.

È associata un’ampia gamma di malattie croniche con l’esposizione a sostanze chimiche pericolose, con l’OMS che stima che il 2,7% delle morti globali sia attribuibile all’esposizione chimica. Tuttavia, l’onere totale delle sostanze chimiche sulla salute in Europa è sconosciuto, poiché la comprensione dell’esposizione della popolazione europea alle sostanze chimiche è limitata. Esistono anche lacune nella conoscenza degli effetti dell’esposizione a miscele di sostanze chimiche che agiscono in sinergia e degli effetti dell’esposizione a lungo termine agli interferenti endocrini.

L’esposizione ai campi elettromagnetici in Europa è poco compresa e si prevede che aumenterà. Sebbene ci siano effetti acuti sulla salute ben definiti dell’esposizione a determinati campi elettromagnetici, inclusi sintomi come la stimolazione dei nervi e degli organi sensoriali e il riscaldamento dei tessuti, ci sono poche prove riguardo all’impatto sulla salute dell’esposizione a lungo termine per la popolazione generale.

L’inquinamento dell’acqua può avere un impatto sulla salute tramite acqua potabile contaminata estratta da acque sotterranee o superficiali o contatto con acque di balneazione contaminate, nonché tramite esposizione indiretta attraverso il consumo di pesci contenenti inquinanti bioaccumulativi, come come mercurio. La qualità delle acque di balneazione in tutta Europa è costantemente elevata, grazie al successo nell’attuazione delle politiche dell’UE. L’acqua di balneazione europea offre un’eccellente opportunità per le persone di rilassarsi ed esercitarsi in ambienti naturali puliti.

 Anche la qualità dell’acqua potabile è costantemente elevata in tutta l’UE, secondo i parametri attualmente monitorati. La possibile presenza degli inquinanti emergenti che non sono attualmente monitorati nell’acqua potabile è motivo di preoccupazione. C’è anche una preoccupazione per la qualità dell’acqua proveniente da piccole forniture e pozzi privati, sebbene questa rappresenti una piccola parte della fornitura totale.

Il rilascio di antibiotici attraverso gli impianti di trattamento delle acque reflue urbane può accelerare in modo significativo l’emergere e la diffusione della resistenza antimicrobica. Si stima che le infezioni causate da batteri multiresistenti causino 25.000 decessi nell’UE ogni anno.

Sommario
L'inquinamento nell'Unione Europea
Titolo Articolo
L'inquinamento nell'Unione Europea
Descrizione
Nell'UE, il 13% dei decessi è legato all'inquinamento, afferma un nuovo rapporto dall'Agenzia europea dell'ambiente. Un grave problema per tutti.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo