30 milioni di veicoli elettrici in Europa entro il 2030

L’UE punta a 30 milioni di auto elettriche entro il 2030

L’Unione europea punterà ad avere almeno 30 milioni di veicoli a emissioni zero sulle sue strade entro il 2030, poiché cerca di allontanare i paesi dal trasporto basato sui combustibili fossili, secondo una bozza di documento dell’UE.

In una strategia pubblicata, la Commissione europea ha definito le misure per contrastare le emissioni del settore dei trasporti.

I trasporti rappresentano quasi un quarto delle emissioni di gas serra dell’Unione Europea e quasi il 30% delle emissioni di CO2, il 72% delle quali proviene dal trasporto su strada.

Secondo il documento, raggiungere gli obiettivi climatici europei richiederà “almeno” 30 milioni di veicoli a emissioni zero entro il 2030.

“L’obiettivo dell’UE della neutralità climatica entro il 2050 non può essere raggiunto senza introdurre misure molto ambiziose per ridurre la dipendenza dei trasporti dai combustibili fossili”, si legge.

È un enorme passo avanti rispetto agli 1,8 milioni di veicoli ibridi elettrici e plug-in registrati in Europa alla fine dello scorso anno, secondo l’International Council on Clean Transportation, soprattutto perché gli ibridi non sono veicoli a emissioni zero.

Con paesi come Francia e Slovenia che stabiliscono date di fine per la vendita di nuove auto a combustibili fossili, le vendite di veicoli a basse emissioni in Europa stanno crescendo rapidamente e hanno continuato ad aumentare durante la pandemia COVID-19 quest’anno.

La Commissione ha anche sottolineato l’importanza dei veicoli elettrici nella sua tassonomia della finanza verde, affermando che solo le auto che non emettono CO2 saranno considerate un investimento “sostenibile” a partire dal 2026.

Tuttavia, l’industria ha avvertito che la mancanza di infrastrutture potrebbe ostacolare le future vendite di auto a emissioni 0.

Il documento dell’UE stima che l’Europa avrà bisogno di 3 milioni di punti di ricarica pubblici e 1.000 stazioni di rifornimento di idrogeno entro il 2030. L’UE ha attualmente solo circa 200.000 punti di ricarica.

Il documento promette un “piano di lancio con opportunità e requisiti di finanziamento” entro il 2021.

Ci sono grossi ostacoli nell’approvvigionamento di carburante per questa transizione. Oltre il 90% dell’idrogeno attualmente proviene da combustibili fossili e la capacità rinnovabile deve essere sviluppata per garantire idrogeno pulito e a emissioni zero.

Una nuova ricerca mostra anche che alimentare solo una parte dei veicoli con combustibili come l’idrogeno nel 2050 richiederebbe nuovi parchi eolici offshore delle dimensioni della Danimarca.

Transport and Environment, un gruppo di pressione riguardante i trasporti puliti, afferma che lo studio mostra che gli e-fuel, i combustibili prodotti usando l’elettricità, dovrebbero avere la priorità per navi e aerei.

Alimentare solo il 10% di auto, furgoni e piccoli camion con idrogeno e il 10% con e-diesel richiederebbe il 41% in più di energie rinnovabili nel 2050 rispetto a che i veicoli elettrici funzionassero a batterie.

Ma anche le batterie per i veicoli elettrici sono problematiche, poiché dipendono dalla fornitura di metalli come il cobalto e il litio, attualmente importati nell’UE. Il morbido metallo alcalino bianco-argenteo è stato aggiunto all’elenco dell’UE delle materie prime critiche all’inizio di quest’anno e la Commissione ritiene che l’Europa possa diventare quasi del tutto autosufficiente con la produzione interna di litio entro il 2025.

La Commissione ha anche affermato che l’Europa potrebbe produrre abbastanza batterie entro il 2025 per alimentare la sua flotta di veicoli elettrici in rapida crescita senza fare affidamento sulle celle importate.

“Sono fiducioso che, entro il 2025, l’UE sarà in grado di produrre abbastanza celle di batteria per soddisfare le esigenze dell’industria automobilistica europea, e anche per costruire la nostra capacità di esportazione”, ha detto Šefčovič alla Conferenza europea online sulle batterie.

L’anno prossimo l’UE proporrà standard più severi per le emissioni di CO2 per auto e furgoni a partire dal 2025.

Il documento afferma anche che il traffico ferroviario europeo ad alta velocità dovrebbe raddoppiare entro il 2030 e triplicare entro il 2050, mentre gli aeromobili e le navi a emissioni zero devono essere pronti per il mercato entro il 2035.

Sommario
30 milioni di veicoli elettrici in Europa entro il 2030
Titolo Articolo
30 milioni di veicoli elettrici in Europa entro il 2030
Descrizione
L'Unione europea punterà ad avere almeno 30 milioni di veicoli a emissioni zero sulle sue strade entro il 2030, poiché cerca di allontanare i paesi dal trasporto basato sui combustibili fossili, secondo una bozza di documento dell'UE.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo