Il tribunale dell’UE esclude l’uso ingiustificato di sostanze chimiche pericolose nelle vernici

L’UE ha consentito illegalmente la vendita di sostanze pericolose al piombo nelle vernici nonostante fossero disponibili opzioni più sicure, ha affermato la Corte di giustizia europea in una sentenza del 25 febbraio.

La sentenza stabilisce un precedente che “stringerà la vite” sul modo in cui le aziende utilizzano sostanze chimiche pericolose, ha affermato ClientEarth, un gruppo ecologista di pressione per un futuro verde.

Il caso è stato presentato dal governo svedese sui pigmenti di cromato di piombo nella vernice. Questi possono essere utilizzati nella segnaletica orizzontale, nelle vernici metalliche e nelle materie plastiche industriali, ma sono altamente pericolosi e sono registrati come sostanze estremamente pericolose.

La Commissione aveva consentito a una società canadese di vendere pigmenti rossi e gialli contenenti questa sostanza poiché sosteneva che mancavano alternative adeguate. Ma la Svezia ha affermato di non aver usato questa sostanza nella vernice per 30 anni, il che significa che erano disponibili alternative più sicure.

La sentenza ha confermato una precedente sentenza del marzo 2019 in cui si afferma che la Commissione ha commesso un errore di diritto e non ha rispettato i suoi obblighi di verificare l’indisponibilità di un sostituto più sicuro, contro cui la Commissione aveva presentato ricorso.

“Siamo lieti di vedere questa sentenza della Corte di giustizia europea, che invia un segnale forte che sono disponibili alternative più sicure e che la transizione economica dalla vernice al piombo è possibile e fattibile”, ha affermato la dott.ssa Sara Brosché dell’International Pollutants Elimination Network, un gruppo ambientalista.

“Il verdetto significa anche che l’UE non sarà più una fonte di vernice al piombo per altri paesi, ma invece una forza positiva per l’allontanamento globale dalla vernice al piombo”, ha aggiunto.

La Commissione non ha presentato ricorso contro la totalità della prima sentenza, ma ha ritenuto che vi fossero alcune questioni legali circa l’interpretazione della condizione sull’assenza di alternative adeguate che dovevano essere chiarite.

È ora necessario prendere una nuova decisione in merito all’autorizzazione. Sta inoltre analizzando l’impatto della sentenza sul modo in cui l’Agenzia europea per le sostanze chimiche e la Commissione valutano attualmente le domande.

“La Commissione ha agito sulla base degli elementi della sentenza del Tribunale e non abbiamo presentato ricorso. Stiamo ora analizzando attentamente la sentenza e le sue possibili implicazioni ” ha detto un portavoce della Commissione.

Secondo l’OMS (organizzazione mondiale della sanità), non esiste un livello di esposizione al piombo noto per essere privo di effetti nocivi. L’esposizione al piombo è particolarmente dannosa per lo sviluppo dei bambini, ma provoca anche danni a lungo termine negli adulti, compreso il rischio di ipertensione, danni ai reni e impatti sulle gravidanze.

L’attuale legislazione europea consente alla Commissione e ai paesi dell’UE di autorizzare l’uso di sostanze chimiche nocive se non esiste un’alternativa più sicura e se i benefici per la società superano il rischio.

Ma ClientEarth ha avvertito che la Commissione non ha respinto quasi nessuna delle 200 domande di esenzione, anche nei casi in cui c’erano problemi significativi con le prove fornite dalle varie società private.

Ciò include un’approvazione in cui il comitato di valutazione del rischio dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha riscontrato “una grande discrepanza tra l’ambito della domanda presentata e le informazioni fornite”.

“Fino ad ora, la Commissione europea e i governi nazionali erano stati estremamente permissivi, supponendo che se un’azienda richiede l’autorizzazione, è perché non ha un’alternativa adeguata – ma questo è stato dimostrato più e più volte non essere vero.” ha affermato Frida Hök dell’International Chemical Secretariat, un gruppo ambientalista.

Secondo Hök, la sentenza darà una spinta alle imprese che stanno investendo in prodotti chimici più sicuri.

“Questa è una grande vittoria che avrà grandi ramificazioni per l’ambiente e la salute pubblica”, ha detto Alice Bernard, un avvocato di ClientEarth. “Significa che la Commissione europea e gli Stati dell’UE devono cambiare radicalmente il modo in cui approvano l’uso di tali sostanze chimiche pericolose. Quando le aziende dichiarano l’assenza di alternative adeguate, gli organismi dell’UE non possono automaticamente crederci sulla parola ” ha affermato.

Anche ClientEarth, la rete internazionale per l’eliminazione degli inquinanti, il segretariato internazionale delle sostanze chimiche e l’Ufficio europeo dell’ambiente hanno presentato un caso sulla stessa autorizzazione, che è ancora in sospeso.

L’Agenzia europea per le sostanze chimiche, un organismo di regolamentazione dell’UE con sede a Helsinki, ha affermato di essere a conoscenza della sentenza e intendeva discutere le sue implicazioni con la Commissione europea in una fase successiva.

Un passo in avanti nella sicurezza sia ambientale che per i cittadini dell’Unione Europea. Una spinta verso un futuro meno inquinato e più vivibile.

Sommario
Vernici inquinanti in Europa
Titolo Articolo
Vernici inquinanti in Europa
Descrizione
Vernici inquinanti da poco sono vietate se si possono trovare alternative più ecologiche e più sostenibili. Una sentenza storica mette il punto sulla situazione e cambierà radicalmente i metodi approvvigionamento favorendo i prodotti più green e meno inquinanti.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo