Le norme sulle emissioni Euro 7 proposte dalla Commissione europea su automobili, furgoni, camion e autobus rappresenterebbero “un divieto nascosto” dei motori a combustione interna a partire dal 2025, se implementati nella loro forma attuale, ha affermato l’industria, definendo prematura la proposta e “completamente fuori questione”.

Le regole “Euro 7” mirano a garantire che i veicoli siano puliti per tutto il loro ciclo di vita, aiutando l’Europa a raggiungere i suoi obiettivi di emissioni del Green Deal europeo. I dettagli esatti della misura sono ancora in discussione, ma stanno già creando nervosismo alla VDMA, un’associazione di categoria tedesca che rappresenta le società di ingegneria meccanica.

“L’obbligo previsto che i nuovi veicoli in Europa debbano essere praticamente privi di emissioni dal 2025 in poi sarebbe un’aberrazione ecologica, economica e tecnologica”, ha affermato VDMA in una nota.

“Le proposte per il regolamento Euro 7 discusse finora mettono a repentaglio le catene del valore ben al di là dell’industria automobilistica, portando a un divieto de facto su auto e camion alimentati esclusivamente da motori a combustione interna. L’Europa non può permetterselo “, afferma la dichiarazione.

VDMA sostiene che l’introduzione di e-fuel significa che il motore a combustione interna continuerà a svolgere un ruolo nel passaggio al trasporto verde.

Gli e-fuel, come l’idrogeno liquido, possono essere creati dall’elettricità fornita da fonti rinnovabili, offrendo un’alternativa verde ai combustibili fossili. Tuttavia, questi combustibili sintetici hanno attualmente un costo di produzione molto più elevato e richiedono grandi quantità di energia rinnovabile per essere carbon neutral.

Frans Timmermans, capo della politica climatica dell’UE, ha detto che le decisioni saranno prese in dialogo con l’industria automobilistica, ma ha sottolineato che la sua intenzione non era quella di evitare “temi difficili e decisioni difficili”.

“Sai che l’industria automobilistica inizia dicendo che è impossibile e poi, alla fine, obbedisce”, ha detto in una conferenza stampa lo scorso novembre. “Ma non lo sto prendendo come modello per i miei negoziati ora perché dobbiamo ascoltare [l’industria], dobbiamo ascoltare i loro argomenti”, ha detto.

Timmermans ha riconosciuto il ruolo fondamentale della produzione di automobili per l’economia europea, ma ha affermato che l’industria deve ora passare ai veicoli elettrici e all’uso dell’idrogeno per i trasporti più pesanti.

“So che c’è molto nervosismo. Avremo questo dialogo con l’industria, ma non possiamo aspettare fino al 2029 per avere un’ulteriore riduzione delle nostre emissioni “, ha aggiunto.

Le case automobilistiche reagiscono

L’Associazione europea dei costruttori di automobili (ACEA) ha affermato che “non ci sono prove” che gli scenari proposti nella proposta siano tecnicamente fattibili al momento, in particolare perché i rigorosi limiti di emissioni devono essere rispettati anche in condizioni di guida estreme, come quando si viaggia in salita o nel rigido clima invernale.

In pratica, ciò significa che “gli obiettivi che i produttori si pongono per lo sviluppo ingegneristico devono essere molto inferiori ai limiti prescritti”, ha affermato un portavoce di ACEA.

“Piuttosto che annunciare divieti sul motore a combustione interna a breve termine, ciò che serve è un forte impegno politico per mettere in atto tutte le condizioni abilitanti per la transizione alla mobilità a zero emissioni – come infrastrutture di ricarica e incentivi – in atto di urgenza “, ha aggiunto il portavoce.

CCFA, un gruppo che rappresenta le case automobilistiche francesi tra cui Renault, ha dichiarato di essere preoccupato per gli standard Euro 7, ma si aspetta cambiamenti prima della pubblicazione della versione finale.

“Le prime proposte che sono state fatte richiedono una riduzione dal 60% al 90% delle emissioni, il che non è affatto realistico. È un obiettivo molto complicato da raggiungere per quanto riguarda le auto non elettriche “, ha affermato Laure De Servigny, responsabile dell’informazione e delle relazioni con i media presso CCFA.

“Per ridurre ed eliminare gradualmente le emissioni, una soluzione sarebbe quella di utilizzare energie pulite come i biocarburanti. Potrebbe aiutare a raggiungere questo obiettivo. L’altra soluzione è vendere solo veicoli elettrici e ibridi, ma non sono sicura che i consumatori li approveranno e li acquisteranno ”, ha aggiunto.

Anche l’Associazione tedesca dell’industria automobilistica (VDA) è preoccupata per ciò che è attualmente sul tavolo.

“Il fatto è che l’attuale proposta rischia di rendere impossibile il motore a combustione interna e i progressi compiuti finora. Ciò che viene venduto come sostenibile è in definitiva persino dannoso per il clima: il rinnovo dei veicoli esistenti non sta procedendo abbastanza rapidamente, i consumatori sono turbati e i veicoli precedenti continuano a essere guidati “, ha affermato il presidente di VDA Hildegard Müller.

“Inoltre, c’è una conseguenza negativa per la mobilità elettrica: una fine prematura del motore a combustione interna ostacola, rende più costoso e ritarda l’enorme processo di trasformazione che le nostre aziende – produttori e fornitori – stanno attualmente affrontando per continuare ad essere leader mondiali in questo settore “, ha aggiunto.

VDA ritiene che la demolizione del motore a combustione interna entro i prossimi quattro anni non sia realistica.

“La fine del motore a combustione interna entro il 2025 è completamente fuori discussione! Il motore a combustione interna giocherà un ruolo importante per molto tempo a venire “, ha detto Müller.

“Un senso delle proporzioni”

Il principale produttore di veicoli tedesco BMW ha dichiarato che i motori a combustione “efficienti” continueranno a svolgere un “ruolo centrale” per alcuni clienti, come quelli che vivono in aree rurali senza un comodo accesso alle infrastrutture di ricarica.

La società ha espresso la preoccupazione che l’Euro 7 stabilisca parametri di emissione che non possono essere tecnicamente raggiunti in ogni situazione di guida, con conseguente divieto indiretto del motore a combustione interna.

“Un ulteriore sviluppo verso Euro 7 deve essere fatto con il senso delle proporzioni e concentrarsi sull’ulteriore miglioramento della qualità dell’aria. La combinazione di valori limite e condizioni quadro deve essere impostata in modo tale da poter essere implementata in modo tecnicamente significativo e avere un rapporto costi-benefici equilibrato ”, ha detto BMW.

Mercedes-Benz ha anche espresso la propria opposizione a un divieto di combustione interna “attraverso la porta sul retro”.

“La trasformazione verso una mobilità priva di emissioni richiede tempo ed è già in atto oggi attraverso la legislazione sulle emissioni di CO2, i sussidi per gli acquirenti e le infrastrutture. Dal nostro punto di vista, gli scenari attualmente in discussione non sono tecnicamente fattibili ”, ha detto la società.

Volkswagen, uno dei marchi automobilistici più venduti al mondo, ha fatto una dichiarazione che le attuali proposte Euro 7 farebbero aumentare il prezzo dei veicoli.

“Gli scenari Euro 7 discussi sarebbero possibili solo con misure tecniche di vasta portata che sono complesse e quindi molto costose. Un’espansione completa dei gas di scarico dopo il trattamento combinata con la necessità di ibridazione renderebbe la maggior parte dei veicoli significativamente più costosa “, ha detto Volkswagen in una e-mail.

“Nel segmento particolarmente delicato delle auto piccole, il supplemento non sarebbe più accettabile per molti clienti”, ha aggiunto la società.

La visione di Bruxelles

La Commissione europea afferma che sta cercando di mantenere la competitività dell’industria automobilistica proteggendo al contempo la salute dei cittadini e l’ambiente. L’esecutivo dell’UE sottolinea di non aver concluso la sua valutazione né finalizzato la sua valutazione delle possibili soluzioni e che per la proposta Euro 7 è fissata una scadenza alla fine del 2021.

“La Commissione sta valutando attentamente vari scenari di rigore delle emissioni e bilancia le emissioni risparmiate con i costi aggiuntivi necessari per raggiungerli”, ha detto un funzionario dell’esecutivo dell’UE.

“È più probabile che i motori a combustione interna cesseranno di esistere se non verrà intrapresa alcuna azione armonizzata per renderli meno inquinanti”, ha detto il funzionario, sottolineando le città e i paesi dell’UE che hanno vietato i veicoli con motori a combustione per motivi di miglioramento dell’aria qualità e tutela dei cittadini.

Sommario
La fine del motore a combustione entro il 2025?
Titolo Articolo
La fine del motore a combustione entro il 2025?
Descrizione
Le norme sulle emissioni Euro 7 proposte dalla Commissione europea su automobili, furgoni, camion e autobus rappresenterebbero "un divieto nascosto" dei motori a combustione interna a partire dal 2025, se implementati nella loro forma attuale, ha affermato l'industria, definendo prematura la proposta e "completamente fuori questione".
Autore
Editore
Home Green Home
Logo