Decarbonizzazione dell’energia

Come decarbonizzare l’industria pesante: da soluzioni rapide a soluzioni a lungo termine

L’industria siderurgica contribuisce in modo determinante alle emissioni complessive di CO2 a livello mondiale e, pertanto, è un fattore determinante del cambiamento climatico. Il settore ha generato circa 2 miliardi di tonnellate di CO2 nel 2018, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, il doppio del volume del 2000.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a molte iniziative – dall’efficienza energetica (recupero del calore di scarto) e iniziative di economia circolare (es. Trattamento delle scorie) all’idrogeno – per decarbonizzare processi industriali e settori economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e difficile da ottenere. Ciò include trasporti pesanti e a lungo raggio e processi industriali ad alta intensità energetica, come l’industria siderurgica, chimica, della raffinazione e del cemento.

L’idrogeno dovrebbe svolgere un ruolo chiave nella futura decarbonizzazione dell’industria siderurgica e di altre industrie pesanti. Può essere utilizzato come materia prima, combustibile o vettore energetico e di stoccaggio. Ha molte possibili applicazioni nei settori dell’industria, dei trasporti, dell’energia e dell’edilizia. Soprattutto, non emette CO2 e non inquina l’aria quando viene utilizzato. È quindi visto come una parte importante della soluzione per raggiungere l’obiettivo 2050 di neutralità climatica del Green Deal europeo.

Ma nel breve e medio termine, i governi e le industrie stanno guardando maggiormente all’economia circolare e alle iniziative di efficienza energetica per ridurre le emissioni degli impianti. In che modo i responsabili politici possono creare i giusti incentivi per mettere a portata di mano gli obiettivi di carbonio per il 2030 e il 2050? E può questo rafforzare allo stesso tempo la base industriale dell’UE?

L’Europa ha fissato un obiettivo chiaro per la completa decarbonizzazione entro il 2050, con l’elettricità basata su fonti rinnovabili destinata a diventare il vettore energetico dominante, e ciò significa che il gas fossile avrà “solo un ruolo marginale” nel lungo periodo, ha detto il capo del clima dell’UE Frans Timmermans.

Entro il 2050, il sistema energetico europeo cambierà radicalmente, con dieci volte più energia solare ed eolica terrestre rispetto a oggi. E alla fine di quella strada, non ci sarà più spazio per il carbone, pochissimo spazio per il petrolio e solo un ruolo marginale per il gas fossile.

Quindi, invece di aspettare l’inevitabile e affrontare costi di transizione sempre più elevati, è meglio adattare, preparare e adottare nuovi modelli di business sostenibili più a lungo si aspetta, più costoso diventa.

I gruppi ambientalisti hanno criticato la Commissione europea per la sua posizione ambivalente sul gas. Il gas naturale sarà probabilmente necessario per passare dal carbone all’energia sostenibile.

L’elettrificazione l’obiettivo finale

I combustibili fossili non hanno un futuro sostenibile e questo vale anche per il gas fossile, nel lungo periodo.

Il futuro è nell’elettricità senza emissioni di carbonio e in un settore del gas decarbonizzato, che abbraccia l’idrogeno come vettore energetico e l’idrogeno verde come destinazione finale.

La priorità immediata è accelerare l’eliminazione graduale dal carbone. L’UE ha raggiunto una pietra miliare quando nuove statistiche hanno mostrato che metà delle centrali a carbone del continente avevano chiuso o avevano annunciato date di pensionamento prima del 2030.

L’Europa può passare subito dal carbone all’energia pulita.

L’elettrificazione è la via più veloce verso la decarbonizzazione per la maggior parte delle industrie e la soluzione più efficiente in molti settori di utilizzo finale.

L’elettrificazione e la diffusione delle energie rinnovabili comunque non sono sempre state possibili ovunque e non sempre potranno essere alla portata e implementate alla velocità necessaria per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione dell’UE.

È qui che il gas fossile può intervenire. Dove e fintanto che l’energia pulita non può essere distribuita sulla scala necessaria, il gas fossile può ancora svolgere un ruolo nella transizione dal carbone all’elettricità a emissioni zero.

Il gas naturale è il più pulito dei combustibili fossili, poiché emette in media il 50% in meno di anidride carbonica rispetto al carbone quando viene bruciato nelle centrali elettriche. La Polonia, che fa affidamento sul carbone per quasi l’80% della sua elettricità, prevede di investire in turbine a gas come trampolino di lancio verso il raggiungimento dei suoi obiettivi climatici, insieme a un piano aggressivo per sviluppare l’eolico offshore nel Baltico ad esempio.

Tuttavia, tali risorse di gas avranno una durata economica limitata, poiché le tecnologie di energia rinnovabile più economiche verranno impiegate su larga scala.

Non si dovrà sussidiare però l’industria ad esempio mantenendo miniere di carbone grazie ai soldi dei contribuenti ma ci si dovrà chiedere se vuole investire nel futuro o continuare a produrre cose che nessuno vorrà comprare come il carbone.

L’idrogeno non può essere un paravento per l’industria

Ci sono anche alcune circostanze nazionali in cui il gas può ancora svolgere un ruolo. In Polonia, ad esempio, il governo sta pianificando un mix di centrali eoliche offshore, nucleari e a gas per sostituire i combustibili fossili.

Per alcuni Stati membri, dove non ci sono altre opzioni accessibili, il gas dovrà svolgere un ruolo di transizione, per un periodo di tempo limitato.

E per i settori dell’economia che non possono elettrificare completamente – acciaio, trasporto pesante, aviazione e marittimo – l’idrogeno pulito potrebbe essere un punto di svolta per stare al passo con la curva e creare un forte mercato dell’idrogeno.

Nel 2020 gli obiettivi europei per l’idrogeno erano visti come irraggiungibili, ora sembra si potranno superare nel prossimo decennio, il mercato e gli incentivi potranno superare le aspettative.

C’è però un avvertimento per il settore del gas. Non bisogna considerare l’idrogeno, gli eFuels e il biometano come una foglia di fico o un’attività secondaria: diventerà il nuovo mainstream.

Bisogna investire anche nelle infrastrutture per il trasporto e lo smistamento dell’idrogeno.

L’industria del gas afferma che può decarbonizzare prima del 2050

Il settore dell’energia si è ampiamente detto favorevole agli obiettivi energetici della Commissione.

Il gas ha solo un ruolo di transizione minore da svolgere e l’industria del gas potrebbe raggiungere la neutralità del carbonio prima del 2050 a condizione che venga messo in atto il giusto quadro politico.

Ciò include due cose:

  • Un obiettivo vincolante dell’UE per il 2030 per ridurre l’intensità dei gas a effetto serra del gas consumato in Europa di almeno il 20% rispetto al 2018
  • Un obiettivo vincolante dell’UE per il 2030 di almeno l’11% di gas rinnovabile (biometano, idrogeno ed eFuels)

Tuttavia, l’obiettivo climatico aggiornato del settore non tiene conto delle potenziali perdite di metano lungo la catena di approvvigionamento del gas, che sono una delle preoccupazioni crescenti per i responsabili politici.

Nuove regole di mercato. Questo sarà l’obiettivo principale della revisione della legislazione sul mercato del gas verrà adottata entro la fine del 2021 per sostenere l’adozione di gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio e lo sviluppo di un nuovo mercato dell’idrogeno.

Sommario
Decarbonizzazione dell'energia
Titolo Articolo
Decarbonizzazione dell'energia
Descrizione
L’elettrificazione è la via più veloce verso la decarbonizzazione per la maggior parte delle industrie e la soluzione più efficiente in molti settori di utilizzo finale. Soprattutto in Europa dove c'è la possibilità di attuarla in maniera veloce e organizzata.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo