Europa e Africa unite nella transizione ecologica

L’Africa cerca il sostegno dell’Europa per investire nella transizione ecologica

L’Africa è il continente che contribuisce meno al cambiamento climatico, ma subisce un impatto maggiore degli altri e manca di sostegno per innovare, afferma la presidenza portoghese del Consiglio dell’UE, che ha organizzato martedì (13 aprile) un Green Talk UE-Africa a Parigi. .

Se ne è parlato in un forum Green Talk UE-Africa a Parigi tenutosi in collaborazione con l’ambasciata portoghese in Francia, ha visto economisti, diplomatici e aziende scambiarsi opinioni sull’importanza della transizione energetica nel continente africano.

“Abbiamo bisogno di una transizione ecologica che corrisponda alle nostre esigenze, ma non abbiamo i mezzi disponibili per investire. Stiamo aspettando di poter mobilitare le risorse a livello internazionale in modo che ci siano tassi di interesse sostenibili per la nostra transizione “, ha detto Lionel Zinsou, economista ed ex primo ministro del Benin.

Secondo l’economista, la transizione sarà più facile in Africa perché non c’è “nessuna eredità” dell’uso dell’energia fossile. Tuttavia, ci sono altri impedimenti.

Sandra Lagumina, vicepresidente del fondo di investimento Meridiam, che finanzia investimenti verdi in Africa, ha affermato che la mancanza di investimenti è aggravata da altri fattori come un quadro normativo che ha continuato a favorire le energie non rinnovabili, il fallimento dei progetti prima ancora che si possano mettere in atto dovuta principalmente a una debole rete di distribuzione di energia rinnovabile.

Il fondo Meridiam investirà fino a 3 miliardi di euro in Africa nei prossimi 25 anni.

Ana Paula Zacarias, segretario di Stato per gli affari europei del Portogallo, ha affermato che, nonostante tutte le difficoltà, il finanziamento europeo per questa transizione è essenziale poiché il continente africano è il più colpito dal riscaldamento globale.

Mentre l’Africa è il continente che contribuisce meno alle emissioni di gas serra, i paesi lì soffrono maggiormente i cambiamenti climatici. “In alcune regioni dell’Africa, il riscaldamento globale è due volte più veloce che in altre parti del mondo”, ha detto il ministro portoghese.

Il governo francese ha inoltre espresso il proprio interesse a promuovere la diplomazia ambientale con l’Africa, mantenendo standard energetici elevati all’interno e all’esterno dei confini dei 27 Stati membri.

“Dobbiamo proteggerci dal dumping ambientale, ed è per questo che speriamo ci sarà il desiderio di creare un meccanismo per tassare l’uso dei combustibili fossili ai nostri confini”, ha aggiunto Clément Beaune, segretario di Stato francese per gli affari europei.

Questo sforzo in Africa sarà finanziato in parte dalla Banca europea per gli investimenti, che ha affermato di aver preso in considerazione non solo gli effetti sulla produzione e il consumo di energia nel sostenere progetti all’estero, ma anche “il loro impatto sociale”, secondo Grégoire Chauvière Le Drian, capo della rappresentanza della BEI a Parigi.

Le imprese, nel frattempo, ritengono che questa responsabilità debba essere condivisa tra il settore pubblico e quello privato.

“La transizione deve essere fatta con denaro pubblico e privato. Le esigenze di investimento sono enormi. Abbiamo bisogno di questi investimenti per andare verso la transizione energetica, con l’aumento delle tasse sui combustibili fossili e l’introduzione di un meccanismo di aggiustamento ai confini dell’Unione Europea, che non è protezionistico, ma mira a incoraggiare più paesi ad aderire a questo movimento “, ha concluso Claire Waysand, segretario generale di Engie.

Sommario
Europa e Africa unite nella transizione ecologica
Titolo Articolo
Europa e Africa unite nella transizione ecologica
Descrizione
L'Africa è il continente che contribuisce meno al cambiamento climatico, ma subisce un impatto maggiore degli altri e manca di sostegno per innovare
Autore
Editore
Home Green Home
Logo