Europa: futuro sostenibile

Best practice per un Europa green

I pensatori e i responsabili politici amano parlare di Best Practice. Mentre l’Europa cerca modi per ridurre le emissioni di carbonio in un’economia circolare, è importante ricordare che “pratica” qui non significa provare. Significa azione. Significa trovare i migliori esempi reali di pratiche edilizie circolari ed efficienti dal punto di vista energetico e renderle una realtà quotidiana.

Quando si tratta di costruzione circolare, l’Europa oggi deve affrontare un problema economico fondamentale. Il costo relativamente basso delle discariche rende difficile che alternative sostenibili come il recupero, il riutilizzo e il riciclaggio appaiano attraenti. Fondamentalmente aumentare queste rotte alternative è una priorità, se non vogliamo che un’ondata di rinnovamento dell’UE sia accompagnata da un’ondata di rifiuti che vanno in discarica.

Ora l’Europa ha l’opportunità di cambiare le cose. Ripensando i costi coinvolti, la discarica non sarà più un’opzione. Dovrebbe anche esserci una tempistica chiara per vietare l’invio di prodotti riciclabili in discarica, come già avviene in alcuni paesi dell’UE.

Negli ultimi due anni, l’UE ha adottato politiche nell’ambito di un piano d’azione europeo per l’economia circolare. L’economia circolare è una parte importante del Green Deal, l’agenda europea per la crescita sostenibile. Al centro sia del Green Deal che dell’economia circolare sarà un’ondata di rinnovamento dell’UE, intesa ad aumentare i tassi di ristrutturazione degli edifici nei paesi dell’UE.

Il settore delle costruzioni deve ora affrontare sia una grande sfida che una grande opportunità, visti i tassi di ristrutturazione che saranno guidati da questi pacchetti di politiche. Allo stesso tempo, le barriere pratiche e tecnologiche all’economia circolare possono essere superate attraverso linee guida comuni per la raccolta dei materiali. Questi dovrebbero includere informazioni su di cosa sono fatti i prodotti da costruzione, per incoraggiare l’uso di materiali non tossici che possono essere facilmente riciclati.

L’isolamento in lana minerale è un materiale con un eccellente potenziale di riciclaggio. Uno studio del JRC dell’UE del marzo di quest’anno lo ha riconosciuto, nominando la lana minerale uno dei cinque flussi di rifiuti con il potenziale per aumentare i tassi di recupero e riciclaggio attraverso lo sviluppo di specifici “criteri di fine UE dei rifiuti e dei sottoprodotti”.

I rifiuti di lana minerale provenienti dai siti di produzione sono già gestiti in modo tale che la maggior parte di essi venga riciclata. Ma nei cantieri di costruzione e demolizione, diverse centinaia di migliaia di tonnellate di rifiuti provenienti da materiali in lana minerale vanno in discarica ogni anno. Con lo sviluppo dell’ondata di rinnovamento dell’UE, rischiamo di vedere questa cifra aumentare in modo significativo.

Questo sarebbe uno spreco di una risorsa preziosa. Le fibre di lana minerale possono essere riciclate un numero indefinito di volte. I nuovi prodotti realizzati con materiale riciclato avranno gli stessi standard di alta qualità in termini di prestazioni e protezione dei lavoratori.

Nell’UE, gli ostacoli normativi e amministrativi al recupero dei rifiuti potrebbero essere superati attraverso un uso ragionevole delle norme esistenti. In particolare, la legislazione dell’UE sulle sostanze chimiche REACH e CLP dovrebbe essere utilizzata meglio insieme alla direttiva quadro sui rifiuti dell’UE e riconoscere meglio il potenziale di circolarità dei prodotti.

Basarsi su un terreno comune nella legislazione sui prodotti chimici e sui rifiuti può rimuovere gli ostacoli pratici al recupero dei rifiuti, come le procedure di autorizzazione lunghe e dispendiose in termini di tempo. Ciò riporterebbe i materiali da costruzione riciclabili nel circuito. Una maggiore semplificazione e razionalizzazione delle procedure già stabilite in queste fondamentali politiche sui prodotti chimici e sui rifiuti incoraggerebbe il recupero dei rifiuti, sostenendo nel contempo le norme europee in materia di ambiente, salute e sicurezza leader a livello mondiale.

L’economia circolare oggi: pensare a tutto tondo

Eurima, l’Associazione Europea dei Produttori di Isolanti che rappresenta gli interessi di tutti i maggiori produttori di lana minerale in tutta Europa, sostiene la transizione verso un’economia circolare attraverso le migliori pratiche. Le idee delineate nel piano d’azione per l’economia circolare possono essere utilizzate per sviluppare alcune delle migliori iniziative già in atto nel settore della lana minerale, nonché per promuovere più in generale pratiche di costruzione sostenibile. Le industrie in tutta Europa devono aumentare la circolarità. Ciò significa incoraggiare l’uso e il recupero di materiali sostenibili.

I piani dell’UE per l’economia circolare incidono sull’intero ciclo di vita dei prodotti, dalla progettazione all’approvvigionamento delle materie prime fino al recupero a fine vita. Se utilizzate correttamente, le politiche dell’UE e l’esperienza del settore possono fornire una guida a tutte le industrie di trasformazione dei materiali, compresi i produttori di prodotti da costruzione. Ciò contribuirebbe a mantenere le risorse in uso nell’economia dell’UE il più a lungo possibile.

I prodotti in lana di vetro e lana di roccia e l’industria della lana minerale hanno una lunga tradizione nella promozione di processi di produzione circolare attraverso i flussi di prodotti. Ad esempio, i sottoprodotti di altre industrie, come l’acciaio, vengono utilizzati nella produzione di lana di roccia come materia prima, sotto forma di bricchetti. Questo è un perfetto esempio di upcycling su scala industriale, evitando l’invio di sottoprodotti di basso valore in discarica. La lana di vetro utilizza cotolette di vetro che provengono da vetro riciclato.

Oltre al riciclaggio, il riutilizzo è sicuramente un principio a cui dovrebbe essere data la massima priorità. Ciò contribuirebbe in modo significativo a ridurre l’impronta di carbonio dei prodotti. Nel caso della lana minerale, tavole e rotoli potrebbero essere riutilizzati in determinate condizioni per garantire prestazioni e sicurezza.

Passi successivi: ripensare – riutilizzare – riciclare

Circa il 50% delle materie prime estratte a livello globale sono utilizzate per gli edifici. Il solo settore edile è responsabile di oltre il 35% dei rifiuti prodotti nell’UE. L’ambiente edificato richiede grandi quantità di risorse naturali. Ecco perché il Green Deal dell’UE e il Piano d’azione per l’economia circolare individuano giustamente l’importanza degli obiettivi di recupero dei rifiuti da costruzione e demolizione, al fine di aumentare la circolarità e nell’ambito della Renovation Wave. L’obbiettivo è di creare città e paesi sostenibili con un ciclo completo di recupero dei rifiuti e il minimo inquinamento.

La proposta del Green Deal ha trovato molti ostacoli sulla via di un’economia circolare. Ora è il momento di cercare modi per far funzionare il piano d’azione per l’economia circolare e il Green Deal.

Il recupero dei rifiuti “post-consumo” generati durante le ristrutturazioni o le demolizioni rappresenta ancora una sfida per l’intero settore edile. Questi rifiuti dovrebbero essere recuperati, per evitare di inviare risorse preziose in discarica e di utilizzarle invece come materie prime secondarie, in sostituzione di materiali vergini e non rinnovabili. I piani per sostenere la crescita economica europea attraverso la sufficienza e l’indipendenza, per l’energia e i materiali, hanno colto di sorpresa gran parte dell’Europa. Ma ci sono molte buone pratiche su cui basarsi mentre l’Europa si muove verso un’economia sostenibile e zero netto. Ora è il momento di preparare il terreno per l’azione e la costruzione che dureranno.

Sommario
Europa: futuro sostenibile
Titolo Articolo
Europa: futuro sostenibile
Descrizione
Mentre l'Europa cerca modi per ridurre le emissioni di carbonio in un'economia circolare, è importante ricordare che "pratica" qui non significa provare. Significa azione. Significa trovare i migliori esempi reali di pratiche edilizie circolari ed efficienti dal punto di vista energetico e renderle una realtà quotidiana.
Autore
Editore
Home Green Home
Logo